Le tette no, i nazi sì?

Pubblicità

Di

20150701riberti1

di Andrea Riberti

Caro (o cara?) Facebook, io colgo il tuo invito a segnalare le pagine che incitano all’odio, alla violenza e a tutte quelle cose lì. Non sono compulsivo, ma qualche volta lo faccio. Eppure ricevo quasi sempre la tua ormai classica risposta: “(…) abbiamo riscontrato che la Pagina rispetta i nostri Standard della comunità…(…)”.

20150701riberti2Di solito si tratta di pagine naziste e fasciste che proclamano la supposta supremazia bianca su qualsiasi altro essere umano che non sia candido come una mozzarella. Il tutto condito da vari “Sieg Heil” e “Camerati a Noi”, nostalgia dei forni e riferimenti a qualche campo di sterminio nel quale spedire i migranti (a dire il vero questi commenti si trovano anche sotto Tio e il mattinonline, ma tant’è).

Ora, caro Facebook, mi devi spiegare come mai le tette non le vuoi e le fai sparire prontamente, anche quelle delle mamme che allattano, mentre i fascisti e i nazisti possono scorrazzare come meglio credono. Mi vien da ridere, e mi scuso per il contenuto sessista della prossima domanda, che ovviamente è una forzatura: se io dovessi pubblicare la foto di una donna nuda, con le tette al vento ma con la svastica tatuata sul braccio, le SS attorno ai capezzoli e il duce sul culo, tu che cosa fai? Ti mando in crisi? Non sai come fare? Non riesci più a capire se un’immagine così rispetta gli Standard della comunità? Cosa fai? Elimini le nudità o lasci le svastiche?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!