Giovani liberali fast and furious

Pubblicità

Di

20150817mordasini

di Corrado Mordasini

faccinaGASmordasiniIo non li riconosco più. Quei bravi ragazzi che una volta studiavano da avvocati e ingegneri per pascersi alla greppia dei grandi ora sembrano diventati una banda di hells angels in assetto da combattimento. Sotto la guida del grazioso Käppeli, i GLRT hanno perso la loro verve capitalista per sposare uno stile di vita da easy rider. Quasi un po’ hippy come Weltanschauung.

Poco tempo fa i 140 all’ora in auto. Poi la querelle con i giovani Socialisti, rei di avere organizzato una festa analcolica. Adesso la proposta di tenere i bar aperti fino alle 3 di mattina li trova concordi con quegli sciallati dei giovani PPD. Chissà cosa pensa la Madonna di scarpapé dei suoi boys.

Mentre il Paese si dibatte come una focena nelle reti con la paura di soffocare, i GLRT si dedicano allo sballo totale. Ah, ci eravamo dimenticati la distribuzione di preservativi di qualche tempo fa: sesso, alcool e velocità, potremmo dire. La liberalizzazione della canapa la lasciano gentilmente alla GISO, così quei poveri pirlotti di Sinistra hanno qualcosa da fare.

Fa piacere vedere questi rampanti angioletti dedicarsi con tanta assiduità alla vita epicurea in stile road movie. Peter Fonda e Jack Nicholson* si rivolterebbero nella tomba (se fossero morti). Pensare che la libertà assoluta che veicolavano i chopper di “Easy rider” sia diventata bandiera dei piccoli borghesi fa quasi un po’ di malinconia.

Anche perché questi rampolli-bene hanno così l’illusione di apparire più giovani, quando l’essere giovani passa anche attraverso la consapevolezza e la responsabilità, non solo attraverso le bisbocce e le gare di velocità.

Sembra assurdo, ma al giorno d’oggi la vera opposizione è nella responsabilità di una generazione che ha l’immane e titanico compito di rabberciare i disastri di quella precedente. Non sarà certo bocciando le auto elettriche o bevendo fino alle 3 del mattino che qualcosa cambierà.

* protagonisti di “Easy rider”, film di Dennis Hopper del 1969

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!