Sposarsi a 4 anni

Pubblicità

Di

20150727bernasconi4

di Carol Bernasconi

faccinaGASbernasconiAbby ha 4 anni ed è malata di leucemia. È ricoverata da un anno presso l’Albany Medical Center Hospital dello Stato di New York. Un giorno Abby confida alla sua mamma il desiderio di voler sposare Matt. Matt ha 29 anni ed è uno degli infermieri che sta aiutando Abby nella sua lunga degenza di ospedale. E così, in meno di 24 ore, vengono celebrate le nozze, per gioco, si intende. Ma il gesto compiuto da questo infermiere dimostra un cuore immenso per la sua professione, che molto spesso è una vera e propria missione di vita.

Tutto il personale dell’ospedale si prodiga per organizzare il matrimonio. La cerimonia viene celebrata in una corsia, riempita per l’occasione di petali di rosa. Abby, come ogni sposa, è bellissima e raggiante. Indossa un vestitino bianco, porta una coroncina di raso sulla testa e un piccolo bouquet di rose tra le mani. Lo sposo indossa lo smoking, o meglio una versione moderna: una T-shirt nera con lo smoking stampato sopra, pantaloni e gli immancabili… zoccoli neri da ospedale. Al matrimonio non manca nulla: ci sono gli anelli nuziali (prestati dai colleghi), la torta, i confetti e persino l’automobile con la scritta “Just Married” e i barattoli legati con un filo al parafango… solo che l’automobile è un giocattolo rosa.

“Quando Abby mi ha chiesto timidamente di sposarla non ho esitato un secondo a dirle di sì. Ci siamo abbracciati e abbiamo sigillato le nozze infilandoci l’anello di matrimonio. Dopo abbiamo fatto una lunga passeggiata con la nostra auto lungo il corridoio della clinica (confesso di aver spinto), infine siamo tornati nella stanza di Abby per tagliare la torta e le foto di rito”, ha dichiarato Matt.

Ho visto le foto sul suo profilo Facebook, che Matt ha pubblicato con il permesso dei genitori di Abby, e mi sono commossa. Commossa perché sapere che esistono persone dal cuore grande e generoso come lui mi fa sperare nell’umanità. Perché lavorare in un reparto di bambini malati di tumore ti potrebbe far odiare il mondo, invece queste persone affrontano con amore e passione questo lavoro difficile e delicato.

Che ci serva da esempio.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!