Aylan: il senso di una foto

Pubblicità

Di

20150909cagnotti

di Marco Cagnotti

faccinaGAScagnotti“12 morti nel naufragio di un barcone di migranti”: che effetto ti fa? Ammettilo: poco. Ne muoiono tanti, ogni settimana. “12” ormai è solo un numero in una statistica. Clicchi su un altro link e abbandoni quella pagina e quel pensiero. L’indomani tutto è dimenticato.

Diverso è il caso della foto di Aylan, riverso a faccia in giù sulla spiaggia. Non devi leggerla. Non devi dedicarle qualche secondo di concentrazione mentre gli occhi si spostano fra le righe. Quella foto è lì, invece, squadernata davanti ai tuoi occhi. La guardi e capisci tutto, col cervello e con la pancia.

Un’immagine racconta più di mille parole. Non richiede tempo né concentrazione né fantasia. Si fa comprendere anche da un analfabeta. Per questo la foto di Aylan doveva essere pubblicata. Per non essere dimenticata.

Rimarrà nella Storia, come la bambina vietnamita nuda in fuga dal suo villaggio, lo studente di Tienanmen davanti ai carri armati, il miliziano spagnolo morente? Non possiamo saperlo ora.

Ma un fatto è certo: la foto di Aylan ha colpito. Se non l’avessimo vista coi nostri occhi, se avessimo soltanto letto la notizia “Bambini rinvenuti morti su una spiaggia”, che cosa sarebbe rimasto dei morti di Budrum nella memoria collettiva? Poco o nulla. Indignazione lì per lì, ma dopo un mese un blando ricordo.

Invece quella foto rimarrà e ci sconvolgerà ogni volta, quando la rivedremo o anche solo ci ripenseremo.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!