È morto un comunista

Pubblicità

Di

20150928scarinci

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciÈ morto un comunista. Di quelli veri, di quelli che lo erano quando aveva senso esserlo. È morto un comunista che ha sempre difeso il Partito, rigorosamente con la maiuscola, anche e soprattutto quando non era d’accordo. Perché Pietro Ingrao, col PCI, non è stato quasi mai d’accordo.

Non era d’accordo nel 1969 quando all’ordine del giorno c’era l’espulsione dei suoi amici de “il Manifesto”: lui votò a favore, perché, sebbene fossero compagni e sodali, bisognava rimanere nel Partito, nel “gorgo”, non disperdersi. Rimasero amici, dice oggi Luciana Castellina. Perché almeno da tre anni, dal Congresso del 1966, era chiaro a tutti quale fosse la posizione di Ingrao nel PCI: quella del perenne sconfitto.

Non era d’accordo – e figurarsi! – nemmeno nel 1989, quando Achille Occhetto iniziò la “Svolta della Bolognina”, l’addio alla falce e martello, la trasformazione del PCI in un soggetto socialdemocratico, aggettivo che per i Comunisti solo dieci anni prima suonava come una bestemmia. Eppure rimase in quello che diventò PDS, la grande quercia di D’Alema e Veltroni, coordinando la corrente dei “Comunisti democratici”, perché il Partito veniva sempre prima di tutto. E, quando nel 1993 se ne andò, lo fece solo per amore e rispetto: “Vado via, altrimenti finirei per essere un detrito riottoso e separato”.

Quella di Ingrao fu una prima forma di antipolitica. Sempre all’interno del Partito ma mai d’accordo e protagonista di un dissenso a volte pretestuoso, altre volte convinto, Ingrao concepì dentro il PCI mondi che in via delle Botteghe Oscure non sarebbero stati neanche immaginabili. Dipinse affreschi di futuro, pensò battaglie e scrisse tesi congressuali che non erano altro che un treno pronto a schiantarsi su un muro. Ma, in confronto alle tante macchiette che vanno in giro in questi tristi tempi, Ingrao capì che il dissenso può esistere solo finché esiste una casa.

E la sua casa era il Partito. Con la maiuscola.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!