“…fino ad avvenuta putrefazione”

Pubblicità

Di

20150927cagnotti

di Marco Cagnotti

faccinaGAScagnottiAllunghi la mano, afferri l’erogatore, lo ficchi nel serbatoio, fai il pieno. Poi vai alla cassa e paghi. Magari con qualche senso di colpa, perché se avessi preso i mezzi pubblici avresti inquinato meno. Ma certo non ti senti un assassino. Nemmeno complice di assassini. Nemmeno alla lontana. Tu ami la vita e ogni assassinio ti indigna. Giusto?

Alì Mohammed Baqir al-Nimr ha 21 anni. Ma non li avrà più per molto. Perché presto morirà. Non di incidente o di malattia, come talvolta accade anche a quell’età, ed è sempre la tragedia della fine di una giovane vita, di una speranza stroncata. No, Alì morirà decapitato. E poi crocifisso. E poi lasciato lì, “fino ad avvenuta putrefazione”. Come prescrive la legge del suo Paese per chi, come lui, si è macchiato di un delitto orribile: quando aveva 17 anni, Alì ha partecipato a una manifestazione contro la teocrazia al potere in Arabia Saudita.

Ora chiediti cosa fa il nostro Paese… la più antica democrazia del mondo, dove i diritti civili sono rispettati, dove ogni garanzia è sacrosanta e inviolabile… chiediti cosa fa il nostro Paese… e insieme a lui le grandi democrazie dell’Occidente, così pronte a sbraitare in difesa dei diritti umani fino al bombardamento dei dittatori cattivi e dei fanatici dell’ISIS… chiediti cosa fa il nostro Paese per impedire questo scempio. Un embargo spietato? L’espulsione dei diplomatici sauditi? Almeno una vibrante condanna?

Niente. Le nostre democrazie non fanno niente. Alì Mohammed Baqir al-Nimr sarà decapitato e crocifisso ed esposto “fino ad avvenuta putrefazione” e a nessun altro governo fregherà niente di quanto succede in quel “Paese islamico moderato”, con il quale è cosa buona e giusta mantenere ottimi rapporti poiché è uno dei più grandi produttori di petrolio del mondo. Proprio il petrolio destinato a diventare la benzina nel tuo serbatoio.

Ora, non dico di non fare più il pieno e convertirsi alla bicicletta per solidarietà con Alì. Ma almeno un sincero, spassionato vaffa personale al governo attraverso il ministero degli Esteri saudita ci sta. E magari una protesta piccola piccola anche al DFAE, dai. Non salverà Alì, ché quella gente se ne sbatte, anche perché conosce benissimo il nostro problema con il pieno di benzina, ma vuoi mettere la soddisfazione?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!