Il frutto perfetto

Di

20150830solange

di Solange

Quest’estate, come in tutte le altre, mi sono cimentata con mio marito nella salsa. Lo so: non ne vale la pena, ti costa meno comprarla. Ma vuoi mettere il gusto? Se compro una passata in negozio ora mi sembra di assaggiare un mélange di ketchup e detersivo per piatti. Invece la salsa fatta in casa ha almeno il sapore della nostra passione, è vellutata e morbida e ogni volta che la usiamo evoca la comunione di anime che l’ha prodotta.

Eh, sì, perché fare la salsa in terrazza in una giornata di fine agosto equivale a imbottigliare l’estate. Le nostre mani sporche di salsa, gli schizzi dappertutto, lo scintillìo delle pentole inox: tutto concorre a rendere la salsa qualcosa di indimenticabile. E poi il pomodoro: lui è il re incontrastato dell’estetica ortofrutticola. Rosso, lucente, incantevole. Con la polpa sugosa e raffinata, con i suoi piccoli semini sparpagliati come stelle nel firmamento. Magari sto esagerando un po’, ma tanta è la passione per questo frutto geniale da farmi perdere la trebisonda e trasformarmi in un’erotica poetessa delle Isole Egee.

E non definitelo “rosso”: è svilente. Il pomodoro raccoglie in sé tutte le sfumature dell’estate, dal verde mela al rosso cupo, dal carminio all’arancione scuro. E le varietà? Ahi ahi, poveri tapini, probabilmente conoscete solo il peretto, il ciliegino o il cuore di bue. Che sapete del pomodoro dei cannibali delle Fiji? Rarissimo. Piccolo e crudele, tinto di giallo e rosso, probabile contorno di antropofagi banchetti? O l’africano marrone, dal colore della laterite? O il giallo e ritorto russo Aloychka? E il marmorizzato delle Hawaii? Per non parlare dei cupi e violacei Arbuzny o dei banana gialli. Impressiona molto il nero di Tula, lucido come un carro funebre e quasi nero come la morte. Il mio preferito è il raro blu cioccolato: un delicato pomodoro tondo di media grandezza, che sfuma delicatamente dal rosso al nero. Un ricamo della natura.

L’anno prossimo farete l’orto. Ma, per l’amor del cielo, non mettete a dimora i soliti San Marzano o cherry, buonissimi per carità, ma tanto comuni. Date una possibilità alle specie rare, stupite gli amici a tavola con un pomodoro Bombo, un nero di Crimea o con degli svizzerissimi rossi di Basilea o gli Orange à gros fruits. In questa era della scarsa diversificazione alimentare, diventare padrini di una delle 1’200 varietà di pomodori esistenti diventa un imperativo.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!