Migranti: è questione di coscienza di sé

Pubblicità

Di

20150907scarinci

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciIn fondo è facile dire che Viktor Orbán è un fascista e bollare come disumane le decisioni dei suoi colleghi al governo di Slovacchia, Repubblica Ceca e Polonia.

Facile e incontrovertibile. Il problema è che chi lo fa dovrebbe prima provare a capire perché in Europa è presente, sul tema migranti, una frattura enorme tra Ovest ed Est. Perché, dopo tentennamenti più che prolungati, Germania, Francia e Italia sono arrivate perfino a pensare di modificare gli Accordi di Dublino mentre i Paesi dell’ex blocco sovietico sono restii a ogni forma di collaborazione.

La risposta è di una semplicità disarmante: l’Europa dell’Est è fatta di Paesi che hanno un’identità fragile, ritrovata dopo anni passati da Paesi satelliti dell’Unione Sovietica, barcamenandosi tra le etnie più disparate, facendo i conti con il proprio passato. Aspettarsi che questi Paesi siano in grado di gestire le migliaia di profughi che ogni giorno hanno bussato e bussano ai loro confini è da anime pure e belle, ma la politica è un’altra cosa.

Se Orbán si è comportato così è perché la maggioranza degli Ungheresi vota lui o gli estremisti di Jobbik. Se il premier Ceco Zeman non ha concesso la disponibilità all’accoglienza dei migranti in arrivo è perché i cittadini dei paesi in cui sarebbero stati ospitati hanno alzato le barricate. Idem dicasi per la Slovacchia, o per la Polonia che andrà alle urne in ottobre e a far da lepre vede il partito di Destra anti-immigrati.

In noi comuni mortali come per gli Stati, più forte è la coscienza e la sicurezza di sé più si è aperti verso gli altri. In un momento dove l’Europa si è suicidata sotto ogni aspetto possibile, dove in Francia l’identità nazionale da secoli bandiera oggi non è più un dogma e molti non ne sono felici (chiedere a Houellebecq e Zemmour), chiedetevi quanta sicurezza e disponibilità possa mai avere chi fino all’altroieri era una provincia dell’impero sovietico.

Un conto sono le belle teorie e gli ideali. Poi arriva la Realpolitik, e spesso son dolori.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!