Minacce di morte dal sito del mattinonline. E Gobbi zitto

Pubblicità

Di

20150910mordasini2a

di Corrado Mordasini

faccinaGASmordasiniChe al mattinonline non fossero proprio delle mammole già si sapeva, ma forse, ultimamente sempre più spesso (si veda il recente caso del portavoce democentrista smascherato dal GAS), assistiamo a veri travasi di bile immotivati e anche piuttosto preoccupanti. Il sito leghista, evidentemente incapace di moderare i suoi fan, lascia che sbrocchino con esternazioni non solo perseguibili legalmente, ma anche al limite del terrorismo.

In un recentissimo articolo, il mattinonline stigmatizzava le prese di posizione dello scrittore e intellettuale musulmano Tariq Ramadan. Ramadan, è una star dell’Europa francofona e fedele assertore dell’integrazione islamica nel tessuto europeo. Ramadan vive a Ginevra, è un imam, è laureato in letteratura francese e propugna le sue teorie non aggressive, anche se discutibili dal punto di vista politico e teologico. Ciò basta ai seguaci del sito leghista per uscirsene con frasi del genere:

“Mozzategli la testa di cazzo a questo idiota di merda!!!”

“Bisogna iniziare ad ammazzare questa gente?”

“Stai attento che se ti vedo in giro diventi cibo per vermi schifo umano”

Per finire con un evergreen:

“RIATTEVEREMO DOCCE E FORNI !!”

Ci chiediamo fino a quando la Magistratura accetterà esternazioni del genere, che rischiano solo di incendiare senza motivo il clima Ticinese.

Ricordiamo che Ramadan è francese e vive a Ginevra. Dovranno essere i pacifici musulmani ticinesi a pagare i deliranti articoli del mattinonline? Che ne pensa Norman Gobbi? A quando la prima sparatoria verso una moschea, come fu per gli zingari?

20150910mordasini2b 20150910mordasini2c

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!