Ai Verdi piace il Monopoly

Pubblicità

Di

20151014scarinci2

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciIl ricco romanzo intitolato “Cosa dovrebbero mai pensare del Ticino a Berna?” si arricchisce di un altro gustosissimo capitolo. Questa volta l’eroe è Francesco Maggi, dei Verdi, che a “Il Quotidiano” del 14 ottobre, con una solennità degna di Truman mentre ordina lo sgancio delle bombe atomiche sul Giappone e una vitalità degna di Giulio Andreotti, ha sparato quanto segue: “L’unico modo per far fronte a questo mercato libero è quello di pagare una parte dei salari con una moneta con validità unicamente ticinese”.

Questa le batte tutte. Secondo il mitico Maggi, in Ticino i salari dovrebbero essere pagati un po’ in franchi e un po’ in una moneta tipo i soldi del Monopoly da spendere solo all’interno del Cantone: se riuscite a rimanere seri per cinque secondi mi avete già battuto di quattro secondi e mezzo. Ma sono risate amare, tristi, piene di disincanto, perché queste sono figuracce che il nostro Cantone non merita in alcun modo. E soprattutto minano alle fondamenta le giuste richieste di porre un freno all’imperante dumping salariale praticato in Ticino.

Il problema, però, è che se devi andare a convincere qualcuno a Berna devi essere credibile, preparato, avere la capacità di battere la scarpa sul tavolo come Nikita Kruscev all’ONU. Invece no: noi abbiamo Francesco Maggi e la sua valuta parallela, una roba che quando Wolfgang Schäuble la propose riguardo alla Grecia si trovò attaccato alla carotide mezzo mondo. E stiamo parlando di Schäuble: figuriamoci il nostro epigono di Savoia.

Dobbiamo serenamente accettare il fatto che no, Berna non ci capirà mai. E non per colpa del Governo, del mondo, del destino e dei complotti, no. Per colpa nostra, perché se il primo che passa può permettersi di pensare di andare da chi ha in mano l’economia del Paese a dire che il dumping diminuirebbe con una valuta parallela al franco vuol dire che ci meritiamo tutto.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!