Facciamoli governare

Pubblicità

Di

20151020scarinci1

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciSgombriamo il campo: Levrat ha ragione da vendere quando elenca i motivi per cui secondo lui si può andare avanti benissimo con Widmer-Schlumpf e per cui, a fronte di meno del 50% nel Paese, il blocco UDC-PLR non può avere la maggioranza in Consiglio federale, considerando pure che agli Stati l’ultra-Destra ha tutto tranne che trionfato. Però c’è un però, di cui il presidente del PSS dovrebbe tenere conto.

Come siamo arrivati ad avere i democentristi al loro massimo storico? È una storia banale e semplice che ha inizio nel 2007, quando, con un capolavoro di mestiere e strategia, l’ingombrante Blocher venne defenestrato dal Consiglio federale. Da lì in avanti, l’UDC si è ancora più incattivita, iniziando a rendere il Consiglio nazionale un Vietnam, diventando a tutti gli effetti un partito di lotta e di governo e bombardando il Paese di iniziative popolari che hanno avuto il risultato di depotenziare quelli che avevano brigato per far fuori il loro capo, cioè tutti gli altri partiti: strategia perfettamente riuscita, grazie alle vittorie del 9 febbraio 2014 e alle Federali di pochi giorni fa.

L’UDC è arrivata a questi livelli perché ha potuto giocare la (falsa) carta del reietto, della vittima dei partiti brutti e cattivi che sovvertono la volontà popolare. E anche perché, dal PLR fino al PSS, chiunque ha provato a farle terra bruciata, con i magrissimi risultati sotto gli occhi di tutti. E quindi che fare? Semplice: avanti con il raddoppio. Facciamoli governare seriamente, mettiamoli alla prova. Anzi, di più: si investa della responsabilità Heinz Brand, il consigliere nazionale grigionese regista del crollo del PBD in casa di Widmer-Schlumpf e dell’elezione di Magdalena Martullo-Blocher.

Solo così, cher Monsieur Levrat, si possono sgonfiare i democentristi: non più sbarrandogli la strada, ma spalancandogliela. Poi tra quattro anni, quando il Paese sarà ancora più isolato, i pensionati vedranno nero anziché grigio, le centrali nucleari saranno ancora più a rischio e lo Stato sociale non esisterà più, ne riparleremo.

D’altronde ce la siamo voluta, no?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!