Galeazzi vuole la pena di morte per i minorenni in Svizzera?

Pubblicità

Di

20151023müller2

di Hans Müller

“Vergogna in altri Paesi questi personaggi vengono portati in piazza e giustiziati”: Tiziano Galeazzi si è espresso in questi termini su Facebook parlando del caso del richiedente l’asilo (un diciasettenne) indagato per violenza carnale e che, rimesso in libertà dal magistrato dei minorenni, sembra essere scappato in Svezia.

Avete letto bene: il giovane è indagato e minorenne. Sì, è indagato, dunque la sua colpevolezza ancora non è stata provata. Strano, per un futuro granconsigliere dell’UDC, fregarsene così altamente dello Stato di diritto.

Allora va bene: prendiamo come esempi ed elogiamo le nazioni in cui, in piazza e senza un processo, si giustiziano i minorenni.

Sono questi i “valori svizzeri” (e le nostre tradizioni) che l’UDC tanto difende?

20151023müller3

La pena di morte in Svizzera è esclusa dal 1942 ma la sua scomparsa è già sancita provvisoriamente nella Costituzione federale del 1874. La Svizzera ha ratificato nel 2002 il tredicesimo protocollo addizionale della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, concernente la “totale abolizione della pena di morte in tutte le circostanze”, e si è impegnata in questo campo anche nell’ambito dell’ONU. Ah già, è vero: l’UDC è sia contro l’ONU sia contro tutto quello che è vagamente europeo (come la Convenzione dei diritti dell’uomo, appunto).

Padroni a casa nostra! Fucilazioni sommarie nelle nostre piazze!

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!