Il sacrosanto diritto di sparare cazzate

Pubblicità

Di

20151023scarinci

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciCosa hanno in comune lo scrittore Erri De Luca e Marine Le Pen? Nulla, a parte il fatto che respirano e che sono usciti, più forti di prima, da due processi farsa.

L’uno è finito a giudizio per aver incitato a sabotare la TAV, la linea ferroviaria veloce in costruzione che collegherà Torino a Lione, la cui costruzione secondo alcuni sta sventrando il paesaggio della Val Susa e di tutta la zona alpina circostante. De Luca se l’è cavata perché il fatto non sussiste, secondo il collegio giudicante, anche dopo la paraculata del millennio: nella sua memoria difensiva lo scrittore ha nobilitato il verbo “sabotare”, riconducendolo all’uso pacifico fatto anche da Gandhi. Una cazzata ben vestita, insomma.

L’altra, Marine Le Pen, è stata citata a giudizio da un gruppetto di privati cittadini per incitamento all’odio razziale. Il casus belli fu l’aver detto in un comizio del 2010, a Lione, che i raduni pubblici dei musulmani in Francia fossero come l’occupazione nazista. Che detto dalla figlia di cotanto padre… Comunque anche Marine pare se la cavi: sembra uscirà indenne da quello che lei stessa ha definito “un processo politico” e che la vedrà festosamente polemizzare con gli altri partiti. I quali, addirittura, si sono rifiutati di mandare loro esponenti a dibattere con lei a “Des paroles et des actes”, popolare talk show politico di France 2.

Cosa li accomuna, quindi? Semplice: il sacrosanto diritto di sparare cazzate. Siamo tutti Charlie quando c’è una strage, ma poi ci ergiamo a censori di qualunque affermazione non corrisponda al nostro pensiero. L’incitamento alla rivolta di De Luca e al razzismo di Le Pen devono essere chiamati col loro nome: cazzate, appunto. Vanno combattute sul piano delle idee, non su quello giudiziario.

I processi alle idee sanno tanto di già visto, di violenza, di censura. De Luca lo contesti un mondo intellettuale italiano ridotto a incensare la banalità dei Baricco o dei Cacciari. Marine Le Pen la contesti, in Parlamento e nelle strade, una Sinistra francese ridotta a macchietta di sé stessa. Le denunce e le querele sanno tanto di abbandono per manifesta inferiorità, sia essa culturale, mediatica o comunicativa.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!