Mankell ci mancherà

Pubblicità

Di

20151005scarinci3

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciQuando muore, uno scrittore non muore veramente. Henning Mankell ci ha lasciati a causa di un tumore al collo e ai polmoni, ma i suoi libri sono e resteranno vivi ovunque, compreso nell’intero scaffale dedicatogli in una delle mie librerie.

Non era solo un giallista, Mankell. I suoi non erano solo polizieschi, romanzi gialli, d’azione o thriller. Con Mankell abbiamo imparato a conoscere l’inquietudine nordica, descritta quasi crudelmente, messa a nudo da personaggi annoiati, apatici e anche un po’ strambi. Un’inquietudine che non è quella esaurita da qualche battuta sulle poche ore di luce in inverno o sul freddo. È un’inquietudine profonda, che in tutti i suoi libri affiora nelle vicende comuni: nel rapporto del commissario Wallander, sua massima creazione, con l’ex moglie o con la figlia, o come sempre Wallander affronta il concetto di morte nei casi da risolvere. Gli affreschi di Ystad, incantevole località svedese dove è ambientata la serie di Wallander, sono la cornice perfetta per questa inquietudine svedese. Un po’ come il mitico villaggio di Cabot Cove per la “Signora in Giallo”, Ystad è il tranquillo porto pieno di pescatori e di casette di legno che però, nel suo intimo, nasconde violenza, disagio, ansia.

Ma la grandezza di Mankell non è stata solo quella di aver scritto degli ottimi libri, bensì la capacità di descrivere e di narrare anche la Storia, quella vera, e di creare con essa intrecci incredibili. Ne “I cani di Riga” il commissario Wallander finisce a indagare in una Lettonia appena uscita dall’Unione Sovietica, con tutto ciò che ne era l’essenza: corruzione, intrecci tra politica e forze armate, povertà, instabilità economica. Ne “La leonessa bianca” è invece confrontato con un gruppo di fanatici sudafricani intenti a pianificare un colpo di Stato ai danni di Mandela, e il libro racchiude tutta la storia recente del Sudafrica dalle Guerre Boere al presente di (quasi) completa pacificazione.

Henning Mankell è stato anche questo: un grande, grandissimo divulgatore. Ha scelto i libri gialli invece che i documentari, ha avuto un successo planetario e ha ispirato ben due serie televisive. Ci ha immersi in letture coinvolgenti, che ci hanno fatto sentire meno soli in questo mondo matto. Ci mancherà.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!