Quanto tempo sprecato a leggere…

Pubblicità

Di

20150930somazzi

di Era Somazzi

Bella l’acrobatica dissertazione fatta dai candidati al Consiglio degli Stati Lombardi e Abate sulla lungimiranza della signora Merkel nell’aprire agli immigrati, poiché, a causa della decrescita demografica, nel 2030 il sistema pensionistico europeo, così come è stato concepito, collasserà. Il candidato pipidino Lombardi prosegue evidenziando come gli immigrati andranno a ingrassare la lunga lista di disoccupati e conclude l’exploit ricordando che presto bisognerà votare la riforma del sistema dell’AVS, riforma assolutamente necessaria per arginare il fenomeno dei prepensionamenti. Gente sfaticata!

Ora che ci penso, il collasso del sistema pensionistico è un timore storico, essendo stato argomento di alcune mie lezioni di geografia economica di terza media, quindi… 29-30 anni fa!

Bruno Storni, con l’ultimo rapporto ATSG alla mano, sottolinea come in realtà il sistema pensionistico svizzero regga più che bene. Forse Lombardi non sa che per il primo pilastro è previsto un anticipo dell’età pensionabile di massimo due anni, con una riduzione della rendita AVS del 13,6%, mentre se si anticipa di un solo anno la riduzione è del 6,8%. Si sa, i Socialisti leggono i rapporti, e non solo quelli.

Il tempo è tiranno e Abate e Lombardi non hanno potuto neppure scorgere l’articolo del “Sole 24 Ore” del 13 settembre di B.S. Sergi e G.Morabito: dai dati della Banca Mondiale nel 2010, prima della guerra civile, la Siria riceveva dalla Germania rimesse (escluso il denaro dei parenti) pari a 105 milioni di dollari, scese a 26 milioni di dollari nel 2014.

Eh, sì, il sistema pensionistico, la crescita demografica, l’integrazione… poco hanno a che fare con l’ospitalità teutonica dei Siriani…

Eritrei? Indigenti!

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!