A Zugo i ricchi sono più uguali degli altri?

Pubblicità

Di

20151106lancillottodi Lancillotto

Quando si parla di integrazione di stranieri, uno dei temi ricorrenti è la lingua. Se non si parla la lingua del luogo sarà difficile lavorare, parlare con i vicini, fare gli acquisti, cioè integrarsi nel nuovo ambiente sociale. Per questo i corsi di lingua sono uno strumento importante di integrazione. Per questo il Parlamento svizzero ha deciso che, per ottenere il permesso di domicilio, uno straniero deve avere conoscenze linguistiche minime. Chiaro, no?

Mica tanto: il Canton Zugo propone al suo Gran Consiglio di prevedere eccezioni “per importanti interessi fiscali cantonali”. Argomento usato anche per accettare gli stranieri ricchi che vengono in Svizzera solo per godere dell’imposizione globale e pagare una quota minima di quello che dovrebbero pagare in patria.

Indovinato? Gli stranieri ricchi potrebbero essere esonerati dalla frequentazione dei corsi di lingua e dalla dimostrazione della conoscenza del tedesco per ottenere il permesso di domicilio. Ma non per tutti! Solo per i privilegiati con almeno 20 milioni che ne guadagnano più di uno all’anno. Questi signori apprezzano la Svizzera, amano il suo regime fiscale fatto su misura per loro e la possibilità, una volta domiciliati, di investire in palazzi e ville. Per i loro affari non hanno bisogno di parlare tedesco o schwytzerdüütsch. L’inglese basterà. E se parlano russo, arabo o cinese possono permettersi gli interpreti.

Gli stranieri ricchi sono sempre benvenuti!

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!