Ahimsa, non violenza

Pubblicità

Di

20151122mapadi Mapa

Venerdì 13 novembre 2015 sembrava una giornata come tante: lavoro, palestra, cena, ma poi il rientro a casa e lo shock quando ho acceso la tv. Attentati a Parigi, orrore, morte, violenza e tutto il resto che è accaduto lo conosciamo molto bene.

In quel momento inizia la mia riflessione su come dovremmo comportarci. Sicuramente non con la violenza, ma purtroppo questo non è accaduto: tutti, compreso il presidente francese, hanno commentato: “Pagheranno per quello che hanno fatto.”

Ma se rispondiamo con la violenza generiamo violenza. Io da anni oramai sono un’insegnante di yoga. Cosa significa praticare yoga? Lo yoga è l’unione del corpo con la mente, e della mente con l’anima. Lo yoga può essere visto come se avesse tre strati: uno esterno, uno interno e uno ancora più interno, cioè uno fisico, uno mentale e uno spirituale, così come ci descrive Patanjali: “Lo yoga si divide in otto rami e questi 8 otto rami si possono dividere anch’essi in tre gruppi.”

Yama e Niyama, discipline etiche, sociali e individuali

Asana, pranayama e pratyahara, che portano all’evoluzione dell’individuo e alla comprensione del sé.

Dharana, dhyana e samadhi, sono il risultato dei due primi gruppi, facendoci provare l’esperienza della visone dell’anima, ma in quanto tali non sono compresi nella pratica.

Ed è proprio sul primo gruppo che la mia riflessione si fa più grande ed intesa, yama e niyama consistono in quello che si può fare e ciò che si deve evitare per non danneggiare se stessi gli altri e la società.

Niyama ci dice cosa si deve fare per il bene dell’individuo e della società e Yama ci dice cosa si deve evitare per non far danni a qualcuno. Queste sono discipline etiche e sociali che dovrebbero esistere ovunque, ma purtroppo non è così.

Yama ha 5 precetti tutti importanti ma il primo è quello fondamentale: Ahimsa, la non violenza. L’astensione totale dalla violenza del pensiero, della parola e delle azioni. Il più grande maestro in questo è stato il Mahatma Gandhi, che ha risposto ad una guerra con il sorriso, la pace.

Ed è proprio questo che tutti dobbiamo fare oggi, rispondere con gioia, sorrisi e pace. So che è difficile, ma la violenza genera violenza e l’abbiamo visto e sperimentato. Come reagiranno gli attentatori se noi rispondiamo con un sorriso, invece che con la paura? Ve lo siete chiesti?

Come reagiranno se amiamo e aiutiamo, se siamo in pace con quelli di religione musulmana, e capiamo una buona volta che loro non sono tutti terroristi? La cellula impazzita rimarrà spiazzata, non saprà come reagire.

Prendiamo esempio da quello che tanti sapienti scrivevano e hanno sperimentato anni fa. Trasformiamo la rabbia in gioia e la violenza in pace.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!