La pagheremo cara

Di

widmer schlumpfdi Jacopo Scarinci

Eppure ci avevamo provato, durante l’ultima campagna elettorale, a far capire l’andazzo che avrebbe ancor di più preso il nostro Paese in caso di vittoria delle Destre, moderate o meno, che spadroneggeranno per i prossimi quattro anni.

Ieri, con la decisione di bloccare il progetto di riforma del segreto bancario voluto da Eveline Widmer-Schlumpf, il Consiglio federale ha dato prova di ciò che ci aspetterà nei prossimi anni. E prima ancora dell’elezione del secondo membro dell’UDC che i parlamentari si stanno avviando a decidere il prossimo 9 dicembre!

Secondo il Governo, questo progetto avrebbe possibilità basse, bassissime di riuscita a causa dello schieramento compatto del fronte borghese e delle associazioni bancarie. Quindi meglio rinunciare subito, ma a un prezzo carissimo. Quello che, innanzitutto, non pagherà chi è sospettato di nascondere la propria posizione finanziaria: ai loro dati i Cantoni nemmeno potranno accedere.

Presente per quanto tempo la Destra ha martellato sulla questione della “sfera privata”? Sin dal 2013, su questo tema particolare, e il risultato è la decisione di ieri. Hai pagato fino all’ultimo centesimo e hai votato a Destra? Grazie a chi hai votato, il tuo vicino di casa, che magari è sconosciuto al fisco, continuerà a farla franca. Complimentoni!

Questa del segreto bancario – c’è da fidarsi – sarà solo la prima tappa. E noi eravamo stati facili profeti quando, su questo portale, abbiamo fatto notare che chi aveva votato per l’UDC o la Lega per paura dei frontalieri e dei padroncini non sapeva bene chi e cosa stava mandando in blocco a Berna e su quali temi avrebbe agito. Eccoci quindi servita la prima mano, a nuovo Parlamento ancora non insediato.

La pagheremo cara, ancora più di adesso, con il sempre più convinto salvataggio dei furbi a scapito degli onesti, con le casse malati, poi sarà il turno delle pensioni, poi della socialità tutta. Ma l’importante è e sarà sempre sbraitare contro i frontalieri e i padroncini, mi raccomando.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!