Le scadenze

Pubblicità

Di


buone nuovedi Amélie

Le scadenze: orrenda parola. Alzi la mano chi non ha mai dimenticato nulla. Qualcosa di importante intendo. Scordare il compleanno del criceto è concesso, ma un anniversario? Un compleanno? Una figlia? Sì, una figlia. Certo non è proprio da considerarsi una scadenza, ma è successo anche quello, la figlia di una famiglia israeliana è stata dimenticata in aeroporto mentre si trasferiva a Parigi. Ma non preoccupatevi, la vicenda si è conclusa bene. Comunque, questi sono solo alcuni esempi più o meno importanti.

Fortunatamente per i più smemorati oggi come oggi questo problema è stato arginato grazie anche all’agenda dello smartphone. È un apparecchio che ormai la maggior parte delle persone ha sempre con sé e la notifica, una volta impostata, esce praticamente da sola. Poi naturalmente bisognerebbe ricordarsi di inserire l’evento ma quello è un altro discorso che meriterebbe un tema a sé, a meno che non si abbia a che fare con un riluttante cronico e allora quello è ancora un altro discorso e un tema a sé sarebbe pure inutile. Ma se per un motivo o per l’altro non si possiede uno smartphone? Beh, per l’anniversario di matrimonio si può ripiegare sull’anello inventato a questo scopo. “Remember Ring” il suo nome, si attiva 24 ore prima della data da ricordare scaldandosi fino a 40 gradi. Però, chi spenderebbe circa 800 franchi per ricordare un’unica data? Forse quelli che temono la fine del proprio matrimonio per questo motivo? Perché al mondo c’è anche gente che si separa per motivi così futili. Forse non dopo il primo anniversario dimenticato, ma, triste da dire, è successo pure quello.

Tornando alle scadenze, il metodo più meritevole per ricordare le cose, ma che nulla ha a che vedere con i matrimoni, è forse il braccialetto flessibile al silicone utilizzato nei villaggi limitrofi a Lima, in Perù. Come potrete ben capire qui lo smartphone è un’utopia e implementare una burocrazia che funzioni, pure. Il braccialetto, applicato al polso dei neonati, serve da promemoria e ricorda quando è il momento della vaccinazione. Un modo semplice e valido inventato dalla volontaria Lauren Braun. Quando vengono eseguite le vaccinazioni, il medico perfora il simbolo corrispondente alla vaccinazione fatta e così, quando il braccialetto presenta tutti e 4 i buchi, sia la madre sia il medico successivo sanno che il bambino è interamente protetto. Un metodo molto efficace, tanto che ha trovato subito un finanziamento e ora tutte quelle madri con neonati che prima rischiavano la vita per una questione burocratica possono tirare un sospiro di sollievo. Ecco, in questo caso dimenticare una scadenza può essere fatale.

E pensare che c’è gente che si separa per un anniversario dimenticato.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!