Salvate il soldato Bolt

Pubblicità

Di

20151124zanolaridi Libano Zanolari

Salvare il soldato Bolt? Il caso è ben diverso rispetto a quello, vero, dell’ultimo dei quattro fratelli Ryan, James Francis, che doveva ritornare a casa su due piedi e non in una bara come i primi tre, caduti sul fronte delle Ardenne nel 1944. Così fu, al prezzo di altre vite sacrificate per salvarlo. Salvare un solo uomo aveva una valenza umanitaria e simbolica, non toccava la forza di un esercito. Nel caso della guerra in corso fra le guardie (sovente corrotte) e i ladri (sovente impuniti) del doping, i dati si presentano a rovescio: salvare l’ultimo dei Mohicani, il mito Usain Bolt (lampo, nomen omen) per non perdere una guerra, dopo aver già perso troppi eroi e troppi soldati per diserzione?

Ora, caro lettore, mettiti nei panni del responsabile del laboratorio di Kingston, Giamaica: la provetta A-666 non corrisponde al sangue del Maligno ma a quello di Usain Bolt, “the fastest human being”, l’umano più veloce del mondo, erede d’un mito nato nel 776 a.C. a Olimpia. Il vincitore dello “stadion”, lo sprint di allora, diede per 40 anni il nome ai Giochi, definiti, per esempio, “i Giochi di Akanthos, spartano, o di Corebos di Elide sul fiume Alfeo” esattamente come noi a 2804 anni di distanza definimmo Pechino 2008 i “Giochi di Bolt”.

Dunque, opzione A: fai come i controllori russi, smascherati dal collega della tv tedesca ARD Hajo Seppel con l’appoggio di fonti interne: telefoni a Bolt, ti fai dare il foglio in doppio che testimonia come il numero A-666 corrisponda al tuo nome (non a quello del Maligno) e lo sostituisci con un innocuo B-777 di uno dei rari atleti puliti.

Opzione B: prendi un a provetta con il sangue di un parente di Bolt che non fa sport, a patto che non sia cocainomane o, come già accaduto, non sia di una cugina incinta. Bolt in attesa di un bebé farebbe crollare il sistema.

Opzione C: lo denunci alla Wada. E poi? L’atletica squalifica Bolt e dà la mazzata finale al movimento-chiesa dei suoi fedeli? Un Sommo Pontefice che denuncia per pedofilia il suo Vicario, custode dell’ortodossia? Qualcuno dirà: nel Regno di Papa Francesco certo che sì, già non siamo troppo lontani dall’indicibile.

Qualcosa del genere, con implicazioni più basse, di vil moneta più che di fede, è accaduto con la banca UBS e altre: too big to fail, troppo grandi per fallire, le macerie farebbero troppi danni. A complicare la tua scelta ricordo per esperienza personale cosa accadde nel 1972 a Monaco di Baviera. Brundage e Genschler ci mandarono a letto a mezzanotte con una falsa notizia: i feddayin neutralizzati all’aeroporto di Fürstenfeldbruck e gli ostaggi israeliani liberi, con due o tre morti. Alle 5:30, la verità: il rifiuto di Golda Meir di trattare, l’attacco, tutti morti, ben 17. Poche ore guadagnate che impedirono ai mass media di uscire l’indomani con la verità. Una menzogna che, forse, salvò i Giochi.

Il giorno dopo, una cerimonia catartica allo Stadio Olimpico tentò di purificare il recinto sacro insanguinato, presente l’unica sopravvissuta, Esther Roth-Shahamorov, che mancata d’un soffio la finale dei 100 metri, aveva già lasciato la palazzina di via Connolly 31.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!