Uella! Il kompagno Reto Ceschi difende la R$I!

Pubblicità

Di

Il capo dell’informazione RSI risponde con dignità all’ennesimo sproloquio di Quadri e della sua banda nei confronti del nostro servizio pubblico. Unico scopo della Lega? Delegittimarlo per cuccarsi i soldi del canone.

Il continuo attacco nei confronti della RSI prosegue, alimentato dagli scherani leghisti. Uno sproloquio che massacra Rete Uno, Rete Due, Rete Tre, canali televisivi e se si potesse anche il securino che sta all’entrata. Il livore leghista è talmente palese da rasentare il ridicolo: critiche personali, senza capo né coda, le solite insinuazioni, i soliti quattro vocaboli ripetuti alla nausea. Reto Ceschi, ottimo professionista, ingenuamente e con piglio tristemente professionale risponde al fango gratuito gettato sull’ente, in una manovra plateale che aspira ai soldi pubblici per i mezzi di informazione privati. Perché alla base degli attacchi di Filippo Lombardi e della Lega c’è poi solo quello: il pro saccoccia.

Quegli stessi leghisti che hanno dato le dimissioni dalla CORSI, oggi vorrebbero dettarne il corso (mi si scusi il bisticcio). Un plauso va fatto a Ceschi, per il coraggioso tentativo di ragionare con gente che del ragionamento ha fatto un tabù viscerale. Però è inutile Reto, karo kompagno, cercare di ragionare come giornalista con chi il giornalismo non lo ha mai visto neanche in cartolina e poi chiede i diplomi agli altri.

Riportiamo per dovere di cronaca, qua sotto, la risposta di Ceschi al berciare del solito anonimo:

Egregio Direttor Quadri,

ho letto l’articolo pubblicato a pagina 10 dell’ultimo numero del Mattino della domenica. Ho cercato – come si fa di fronte ad una critica molto dura – fatti ed esempi. Non li ho trovati. Ho trovato invece sentenze come “non sono gli estremisti musulmani ad essere dei macellai; siamo noi europei (populisti e razzisti) che non li abbiamo integrati a sufficienza. Quindi il massacro è colpa nostra!”.

Quando ciò è stato detto alla RSI? Da chi? Mi è sembrato di leggere un articolo pubblicato per uso personale.

Forse è inutile chiederle di esibire fatti ed esempi, poiché lei non li cerca. Forse, nel poco tempo che ha a disposizione fra un impegno e l’altro, prevale la tendenza ad assemblare in tutta fretta giudizi che assomigliano a luoghi comuni.

Qui si parla dei massacri di Parigi, eventi terribili che meriterebbero anche un approccio ragionato e non andrebbero usati per condurre battaglie personali o per scrivere a sproposito che la RSI fa “propaganduccia politikamente korretta”.

Lei – questa è l’impressione – non guarda e non ascolta la RSI. Ma scrive sempre più o meno lo stesso articolo sulla RSI. Se lei ricominciasse a guardarci e ad ascoltarci, troverebbe anche “i nostri errori”. Sarebbe meno ripetitivo, sicuramente più documentato e potremmo impostare una discussione seria, costruita sui fatti.

Reto Ceschi

responsabile Informazione RSI

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!