Alessio, il Natale e il granchio

Pubblicità

Di

20151030Bernasconidi Carol Bernasconi

Sapete cosa mi piacerebbe ricevere per Natale? Una sala giochi! Una di quelle grandi, con una pista da bowling, un trottolino, i videogiochi giganti, un gonfiabile, un distributore di caramelle oppure una fontana di cioccolato e anche un pizzaiolo che mi prepara la pizza quando mi viene fame.

L’ho detto stamattina alla mia mamma e lei ha fatto una faccia strana. “Mamma, perché hai quella faccia lì?” Lei mi chiede quale faccia… ma che domande fa! “Quella che hai sopra il collo dai!” Allora lei mi spiega che non abbiamo posto per una sala giochi così grande come la vorrei io. Semplice, ho la soluzione! Cambio regalo. Non voglio più una sala giochi, ma una casa più grande. Così dopo ci posso mettere la sala giochi. Ho sempre delle idee geniali, io lo so. Ma a volte credo che gli altri non le capiscano. Comunque dalla felicità per la mia bellissima idea, sono sceso dallo sgabello e ho fatto il girotondo sul gomito del piede.

Poi la mia mamma mi ha detto che: la sala giochi non potevo chiederla a Babbo Natale, la casa più grande nemmeno, se davvero non avrei preferito un Lego e che il gomito del piede non esiste. Ma allora? Che giornataccia! Ho ritrovato un po’ di buonumore quando si è avvicinato il mio momento preferito, quello del pranzo. Io adoro mangiare, tantissimo. Sono il pulitore di scodelle ufficiale. Prima era il mio papà, ma poi l’ho licenziato.

Ci sono poche cose che non mangio volentieri, il granchio per esempio. E la mia mamma voleva proprio fare quello. Dai mamma, lo sai che non mi piace. Quasi quasi le faccio uno scherzo e le dico che sono allergico. Sì, buona idea, adesso glielo dico. Ecco fatto. Lei mi guarda con quel sorriso strano… Ahi… Mi sa che non c’è cascata. Mi risponde “Davvero? E cosa ti succede quando lo mangi?” Questa è facile, la so. Sorrido e rispondo “Diventi un granchio anche tu”. Non c’è niente da ridere mamma.

Però mi è andata bene, mi cucina le costine! Quanto mi piacciono. Quando sono pronte io, il mio papà e mio fratello ci serviamo con l’acquolina in bocca. La mamma invece vedo che sta mangiando un hamburger strano. Ah già… Lei non mangia carne. Pazienza, io addento la mia costina, poi la guardo e le dico “Non sai cosa ti perdi, erbivora!”

Poi però la perdono, perché le mamme sono fatte di frutta e gelatina e io me la mangerei. Di baci.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!