Con Borgovecchio combatti le mafie dal Ticino

Pubblicità

Di

balernadella Redazione

Si va da Carlo Crivelli un mercoledì di sole, la luce nell’aria fresca sembra danzare tra la polvere sollevata dalle ruote dell’auto sullo sterrato davanti al deposito.

20151124_111121Borgovecchio, distributore di vini nel Mendrisiotto, sembra una cosa normale, classica. Buoni vini italiani, o vini scelti dalle terre del Mendrisiotto. Invece no, non solo.

Carlo Crivelli è un uomo mite, dai capelli spettinati e lo sguardo dolce. Il suo non è un lavoro, ma una filosofia: sarà il sole, sarà che tutti quelli che incontriamo in azienda sorridono, ma ci si sente bene, rassicurati, si ha l’impressione di avere di fronte della buona energia, e Carlo comincia a raccontare. Racconta di suo padre enologo che avvia l’azienda, di lui e delle sue collaborazioni coi produttori del luogo, dei vini bio, dei suoi sogni e delle sue follie, come quel container di 20 metri cubi di Tucola (la coca cubana socialista) che importa ogni anno per solidarietà e che rivende a osterie barricadere in giro per il Ticino. Parla del volontariato al Soccorso operaio, di Fra Marino e dei prodotti che nascono dalle strutture e dalle terre sottratte alla mafia. Carlo racconta della visione etica della sua azienda, dell’efficienza energetica e della scelta accurata dei partner, del diritto a condizioni dignitose delle maestranze e dei prodotti che provengono dalle terre strappate alla mafia.

20151124_111048“Liberaterra” si chiamano, e lui è l’unico importatore per la Svizzera. Passata di pomodoro, pasta, olio, crema di carciofi, lenticchie, marmellate… tutti questi prodotti hanno qualcosa in comune: provengono da Puglia, Calabria, Campania e Sicilia. La loro particolarità? Derivano da strutture confiscate dalla legge a mafiosi e cosche, gestite da cooperative che devono sottostare a vincoli ben precisi, come ad esempio avere almeno il 30% dei dipendenti con difficoltà di inserimento, handicap o disabilità.

Carlo ha preso due piccioni con una fava, chiedendosi perché non far lavorare qualcuno anche da noi. E da qui nasce l’accordo con gli atelier del Soccorso Operaio Svizzero, che producono i bellissimi imballaggi che possono contenere i prodotti: scatole in legno rivestite in stoffe multicolori che possono rendere un regalo qualcosa di speciale in tutti i sensi.

Questa è pubblicità? Certo che lo è. Lo è perché la merita chi riesce a fare del commercio un esercizio di etica, bellezza e serenità, lo è perché è meglio comprare prodotti che ci faranno sentire meglio con noi stessi, per dire che abbiamo potuto contribuire un poco, come Carlo, a migliorare questo mondo. Piccole gocce, piccoli rivoli, che formano pozze, laghi e mari. Forse è possibile davvero avere un sistema più equo? Il Crivelli ce lo fa vedere, senza vanterie o falsi sfondi di velluto. I suoi locali sono angusti e pieni di merci. Spartani, nessuna concessione al lusso, perché non sempre il solo profitto è la soluzione per andare avanti.

8fe60b0d0cE allora poche storie ancora. I prodotti Borgovecchio e Liberaterra li trovate presso:

Borgovecchio SA

Via Sotto Bisio 5, 6828 Balerna
Telefono: +41-91-697-6343
E-mail:info@borgovecchio.ch

Fate qualcosa di diverso, e quest’anno regalate la libertà dalle mafie.

 

 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!