Di pagliuzze e travi

Pubblicità

Di

20151205redazionedella Redazione

La fobia del “Corriere del Ticino” per la RSI è tale che il direttore in pectore si scomoda con una storiella patetica che denota la sua totale ignoranza dei social network e del loro funzionamento, nonché la sua mancanza di rispetto per le norme base del nostro mestiere. Salvo poi, poche ore dopo, mandare fuori il gregario per la riparazione: che nobiltà.

Un pessimo esempio di giornalismo in cerca di pagliuzze negli occhi altrui quando la trave gigantesca l’hanno avuta in casa loro neanche troppo tempo fa, una trave che riguardava proprio il grande capo di MediaTi. E questa sì che era censura degna della peggiore Unione Sovietica, dove le notizie scomode venivano taciute. O rimosse. E davvero.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!