Di Terra ce n’è una

Pubblicità

Di

ambientedi Jacopo Scarinci

Il 13 agosto è stato l’”Overshoot day”, il giorno in cui i miliardi di abitanti della Terra hanno esaurito le loro risorse per il 2015 e hanno iniziato a intaccare le riserve per il futuro. Stiamo letteralmente consumando il nostro pianeta: flora, fauna, acqua, energia. E il più delle volte nemmeno per necessità ma per brama, interessi economici, corruzione.

Pochi giorni fa si è conclusa la Conferenza sul clima di Parigi, dove i governi mondiali hanno raggiunto una specie di compromesso: ridurre “il più presto possibile” le emissioni di ossido di carbonio e contenere il riscaldamento globale entro 1,5°. Già qualcosa, anche se non è una misura vincolante finché il 55% dei 195 Paesi firmatari non ratificherà l’accordo comunicando la previsione ufficiale del calo di schifo buttato nell’atmosfera.

Se dalle potenze mondiali un piccolo, piccolissimo segnale è arrivato il vero problema ora è coinvolgere i privati, le aziende, le multinazionali. Il continuo inseguimento del profitto e dell’arricchimento in barba all’inquinamento, alle condizioni di lavoro e allo sfruttamento delle risorse del pianeta sta facendo sempre più disastri a livello ambientale. Le proiezioni dell’ONU prevedono che nel 2050 su questa pazza Terra saremo 9 miliardi e mezzo, con tutti i problemi che seguono a ruota: bisogno di più acqua e più cibo, pericolo di ulteriori disuguaglianze, il saccheggio dell’ambiente come facile risposta ai bisogni economici delle nazioni. È chiaro che se vogliamo salvare il pianeta andranno posti dei correttivi.

A partire dal bisogno di andare verso un’economia e un modo di fare impresa sempre più sostenibile. Cioè investire sulle energie alternative, ridurre all’essenziale la pesca magica dalle risorse ambientali, cambiare abitudini eliminando il superfluo e badando meno al profitto e più alla ricerca. Se nel Canton Ginevra e in Svizzera tedesca questi temi sono già sdoganati da un pezzo, in Ticino fanno ancora fatica a emergere. Dobbiamo iniziare a parlarne, e seriamente. Prima che sia troppo tardi.

Noi del GAS ci siamo e, fedeli alla nostra linea editoriale e con il nostro stile, intendiamo affrontare la questione in maniera sistematica con articoli, interviste, approfondimenti e proposte.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!