Grazie Eveline

Pubblicità

Di

Widmer Schlumpfdi Bruno Samaden

Ueli Maurer l’aveva detto, e noi siamo stati gli unici in questo Cantone a dargli la giusta rilevanza: non c’erano alternative all’Accordo sui frontalieri varato da Widmer-Schlumpf con la controparte italiana, che andava bene e che era il massimo che si poteva ottenere.

Dall’entrata in vigore dell’accordo, la Svizzera guadagnerà di più: la Confederazione tratterrà l’8% in più rispetto a quanto deciso dalla precedente intesa, risalente al 1974. Ma c’è di più. L’Accordo sull’imposizione dei frontalieri fa infatti parte di un percorso che, finalmente, porterà a una normalizzazione dei rapporti fiscali ed economici tra Svizzera e Italia. Quest’intesa, che verrà verosimilmente firmata a marzo, è difatti il primo passo che porterà all’uscita delle banche svizzere dalla black list italiana e si unisce alla fine del segreto bancario caldamente suggerito da Stati Uniti e Unione Europea.

Fa piacere che anche Maurer, ex presidente dell’UDC oggi in Consiglio federale, concordi con noi nel definire questo un buon Accordo. La sua posizione è la perfetta risposta a chi, soprattutto dalle file del suo partito e da quelle dei loro cuginetti ticinesi, bercia contro l’Italia e ha sparato a zero su Eveline Widmer-Schlumpf per anni. Ci rendiamo conto che scrivere con le “K” e i “$” sia molto più facile rispetto allo studiare i dossier, al condurre trattative difficilissime e mandarle in porto. Il rispetto che non hanno mai avuto per la Consigliera federale uscente va di pari passo con l’odio atavico e incredibile che molti leghisti hanno verso le élite, i “burocrati” e chi si fa un mazzo così per portare avanti il nostro Paese.

Salvo poi, con Norman Gobbi, provare a diventare uno di loro appena s’è liberato un posto. Come i maiali che, alla fine de “La fattoria degli animali” di Orwell, mangiano a tavola. Né più, né meno.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!