Indovina chi c’è a cena. Digressioni semiserie sul cibo del futuro (Parte Seconda)

Pubblicità

Di

cucina e consumidi Anna D’Errico

Si chiamano Chirps e sono come i nachos, innocue patatine da sgranocchiarsi nei momenti di svago, senza glutine perfino: fatte a base di fagioli, riso e farina di grilli. Ma se siete a dieta o in regime particolarmente salutista potreste preferire una barretta energetica iperproteica, ce ne sono ai gusti noci di cocco, burro di noccioline, vaniglia, o mela e cannella, gluten free pure queste, sostenibili e fatte con farina di grillo.

La marca produttrice si chiama eXo, da Exo-skeleton e con la X scritta in modo da far sporgere dalla parola eXo le due “antenne”. Spassosi. E astuti. La prova che con la confezione, ops, il packaging giusto e un nome appropriato tutto diventa più appetibile. D’altra parte come avvicinare i palati occidentali a tali leccornie? Prima di proporgli uno scorpione caramellato o delle cicale fritte, meglio partire con qualcosa di più soft come dei biscotti o delle patatine fatti con farina di insetti. Da lì è più facile passare allo step successivo, se poi è un grande chef a suggerirlo figuriamoci. Il brasiliano Alex Atala, per esempio, ispirandosi ad alcuni cibi dell’Amazzonia prepara piatti eleganti e ricercati tipo “formiche su letto di ananas”, e lì tutti a sbafare come se non ci fosse un domani. A poterselo permettere, però. Infatti ci sono le larve di alcune specie di formica chiamate “ant caviar”, caviale di formica, che possono arrivare a costare qualcosa come 90 dollari al chilo. Parliamone.

L’entomofagia, ossia il cibarsi di insetti, che in questo caso si riferisce in generale a invertebrati includendo pure aracnidi, vermi e larve varie, è pratica comune in numerose parti del mondo, ma per noi occidentali rimane in parte ancora un tabù. Tuttavia gli alti valori nutrizionali di queste bestiole e il loro basso impatto ambientale fanno pensare potrebbero essere davvero una valida alternativa, in un futuro prossimo con nove miliardi di bocche da sfamare e scarsità di risorse per tutte.

Leggi la prima parte: clicca qui

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!