Le pagelle del Gas – Novembre 2015

Pubblicità

Di

20151130narsespagelledi Narses

Norman Gobbi 5 – Gli va di traverso la busecca quando gli dicono che è candidato al Consiglio federale; per festeggiare sequestra tre macellerie islamiche e imbandisce un banchetto mandando gli avanzi ai bambini ecuadoregni. ANFITRIONE

Sergio Savoia 4 – Si fa contagiare dal virus della scissione a Sinistra e fonda l’associazione Noi con i suoi fedelissimi; nell’enfasi del momento, invita anche Pupo alla conferenza di presentazione esibendosi in un duetto sulle note di “Su Di Noi”. UGOLA D’ORO

Natalia Ferrara Micocci 3 – Butta giù la legge anti-Burqa attirandosi dietro un paio di fatwe e 2353 disdette di prenotazioni alberghiere. Viene sequestrata da un gruppo di terroristi ma, essendo minuta, viene venduta per soli 10 cammelli a un emiro del Kabuskistan. ODALISCA

Battista Ghiggia 3 – Ci resta male per non aver conquistato il seggio agli Stati nonostante l’appoggio cattolico e si ritira in eremitaggio sul Monte Generoso, fustigandosi giornalmente con “il Mattino della Domenica” ricoperto di cocci di bottiglie di Merlot. PENITENTE

Roberto Malacrida 4 – Ci prova fino all’ultimo a insidiare il duo Lombardi-Abate al gioco della sedia al ballo di fine anno, ma inciampa nei baffoni ogni volta che si ferma la musica e finisce in braccio a Ghiggia che prova a esorcizzarlo con il bianchino benedetto. MATRICOLA

Christoph Blocher 3.5 – Non gli riesce di far passare il 9 febbraio subito, allora per non litigare con l’UE cracka la password di Bertoli e gli ruba il famoso discorso del Primo agosto sostituendolo con un elogio della luganiga. HACKER.

Manuele Bertoli 3 – Lui aveva già detto le stesse cose di Blocher ma nessuno gli aveva creduto; prova a scrivere un nuovo discorso ma Blocher gli ruba il file e lo pubblica a nome suo. GHOST WRITER.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!