L’informazione secondo Lombardi: soldi pubblici e cazzi privati

Pubblicità

Di

20151201santerredi Santerre

Teleticino, a oggi, riceve quasi 3 milioni di franchi da un canone che tutti siamo obbligati a pagare, non da donazioni volontarie. Quindi è sì una radiotelevisione privata, ma finanziata non poco dai famosi soldi “presi dalle tasche dei cittadini”.

20151201santerreIl problema qual è? Il problema è che se un’azienda riceve soldi pubblici, li riceve da tutti noi. E se questa azienda si occupa di informazione, il minimo che ci si aspetti è il pluralismo, l’equità e la correttezza. Ad esempio: perché Teleticino ha affidato una rubrica pre-elettorale a Mattia Sacchi, redattore del “mattinonline”, con candidati quasi esclusivamente pro domo sua intervistati nella sua auto? È normale che quella rubrica sia stata affidata allo stesso Mattia Sacchi che, tutto sorridente e orgoglioso, si è fatto un selfie trionfale con Christoph Blocher? È normale che quella rubrica sia stata affidata allo stesso Mattia Sacchi che, ancor più sorridente e ancor più orgoglioso, è ritratto in una foto con Battista Ghiggia, Boris Bignasca e una bella truppa di leghisti? È normale che un’azienda che percepisce soldi pubblici, anzi, del “Sovrano” come dicono sempre a Destra, poi sia così schierata? Riuscite lontanamente a immaginarvi cosa potrebbe succedere a uno sventurato giornalista o collaboratore della RSI se si comportasse come Sacchi?

20151201santerre2Filippo Lombardi prima di lanciare intemerate a mezzo stampa contro il servizio pubblico è bene che capisca che, sebbene la sua Teleticino sia privata, è però concessionaria pubblica, perché di soldi pubblici ne prende, e neanche pochi. Anzi, con la riforma tanto osteggiata se ne beccherà anche molti di più. Soldi nostri, come già detto. Soldi di gente che se li suda, e che è obbligata a versarli anche a lui e alla sua Teleticino.

Prima di prendersela con la SSR per mere questioni di saccoccia, il senatore/capogruppo/coordinatore/presidente/amministratore delegato dovrebbe guardare un po’ più alla qualità e alla opportunità di certe scelte editoriali.

L’immagine di Sacchi con Blocher è stata pubblicata da “Il Giornale del Ticino”, e la pagina è disponibile a questo link

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!