Ormai è una barzelletta

Pubblicità

Di

20151129samadendi Bruno Samaden

La settimana scorsa, intervistato dalla RTS (vedi link), Norman Gobbi ha dato l’ennesima prova che chi sta facendo resistenza civile contro la sua candidatura in Consiglio federale ha ragione da vendere. E non, ripetiamo, per orientamento politico. Semplicemente perché non è una candidatura, è una barzelletta: l’hanno capito ovunque tranne qui.

Immaginatevelo voi un qualsiasi giornalista ticinese a far la stessa domanda fatta dall’ottima collega romanda: se la Destra, e soprattutto la Lega, hanno chiamato per anni Widmer-Schlumpf “la ministra del 5%”, cosa dovrebbero fare con lui che ha l’1%? Pura fantascienza. Simpatica la reazione: ha fatto notare la sua stazza chiedendosi come possa essere considerato un Consigliere federale “dimezzato” uno bello in carne come lui. Non facciamo i moralisti da due spicci: il vero problema è spiegare agli spettatori romandi che Gobbi si crede qualificato da una vita per entrare in Consiglio federale, non la sua pancia e la sua risposta.

A tutta questa meraviglia si è aggiunta la tragicommedia del sentirlo parlare di sé in terza persona: lo faceva Giulio Cesare, e il paragone francamente non regge. La cosa gli sta sfuggendo di mano, e la colpa non è solo sua, ma anche di larga parte di questo sempre più pazzo Cantone che per puro campanilismo, e con un’aria da parvenu veramente imbarazzante, sta considerando questa candidatura una cosa seria e non un contentino, un simpatico buffetto di simpatia per l’acqua portata dal Ticino al mulino del 9 febbraio.

O peggio, appunto, una barzelletta.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!