Alessio e le vacanze di Natale

Pubblicità

Di

20151030Bernasconidi Carol Bernasconi

Come avete trascorso le vacanze di Natale? Io benissimo! Le vacanze di Natale sono quelle che preferisco, anche se mi piacciono di più quando c’è la neve. Sono andato a pattinare con il mio papà, ero molto emozionato! Io so tutto sul pattinaggio, l’ho visto nella puntata di Peppa Pig. Spingi, spingi, scivola. Facilissimo! E poi il mio papà è un campione con i pattini.

Siamo partiti, abbiamo noleggiato i pattini, li ho messi, sono andato sul ghiaccio e pam, in terra. Allora mi sono rialzato e sono caduto di nuovo. Peppa Pig mi ha mentito, pattinare non è per niente facile. Sono caduto tante, tantissime volte. Quando tornavamo a casa però ho detto al mio papà che volevo andarci ancora, perché io voglio diventare un campione come lui.

La cosa più bella delle vacanze però è che puoi svegliarti quando vuoi, stare in pigiama tutto il giorno, mangiare a ogni ora e fare tante cose con mamma e papà. Una mattina io e la mamma, che è una dormigliona, ci siamo svegliati quasi a mezzogiorno. Allora abbiamo fatto la colazione al posto del pranzo. Abbiamo mangiato la treccia con la marmellata di fragole di bosco, la mia preferita. La mamma ha chiesto se ne volevo ancora una fetta: “No grazie mammina. Ne vorrei ancora cinque”. Chissà quando faremo pranzo, meglio fare scorta.

Poi abbiamo fatto pranzo al posto della merenda e al momento della cena non avevo tanta fame. Mamma e papà hanno deciso di ordinare delle pizze, mangiare tutti sul divano e guardare la partita di hockey. A me piace l’hockey, ma preferisco il basket. Quando sono arrivate le pizze non avevo tanta fame. “È gia tardi Alessio, se non mangi adesso poi non lo potrai più fare”, ha detto la mamma. Ma io non avevo fame. Solo che dopo un po’ ho sentito il mio pancino che mi parlava, come quello di Winnie Pooh. Ops… mi ha detto che aveva fame. E adesso come faccio? La mamma ha detto che ormai la cena è finita. Pensa, pensa… mi viene un’idea! “Vado un attimo in cucina a prendere un pezzo di pizza, ma in segreto!”… e così me la sono mangiata tutta. Loro non se ne sono nemmeno accorti, perché era un segreto.

Quando finisce la partita vorrei tanto giocare un po’ alla playstation, ma al papà interessa sentire quello che dicono i giocatori al microfono. “Però papà, quando sono finite le ‘improvviste’ mi accendi la playstation?”. Ha detto no. Beh, allora vado a dormire, le vacanze sono ancora lunghissime.

Invece una sera, vedo che la mamma prende la mia cartella, le mie pantofole, i miei compiti e mi dice che bisogna andare a dormire presto perché domani si ricomincia. Cosa? Non posso credere che sono già finite! Al mattino la mamma mi sveglia, ma io non riesco ad aprire gli occhi. “Ti prego mamma, se oggi faccio il bravo a scuola alle quattro posso tornare a letto?”. Ha detto sì, va bene… Allora mi alzo, ma faccio tanta fatica. Mi fa anche un po’ male la testa, la gola e la pancia. La mamma dice che è solo che non sono più abituato ad alzarmi presto, ma io non ne sono tanto sicuro.

Quando esco da scuola al pomeriggio mi sdraio sul divano. La mamma dice che ho un brutto faccino. Io sono bello sempre, mamma, dovresti saperlo. Ma per questa volta non dico niente perché non mi sento tanto bene. Infatti ho la febbre alta, mi sarà venuta l’influenza. La mamma mi da le medicine, mi copre per bene e mi abbraccia. “Stammi lontana mamma, altrimenti ti contagio la febbre. E lo so che lo fai perché non vuoi andare a lavorare”. La mamma ride, mi dice che non deve lavorare e mi abbraccia ancora.

Allora non le dico più niente e mi lascio coccolare.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!