La sindrome del commentatore a sproposito

Pubblicità

Di

20151015Zanellidi Danilo Zanelli

Questa malattia colpisce le persone che non sono in grado di seguire il filo logico di una conversazione su Facebook e commentano a sproposito. L’eziologia della malattia è incerta, ma gli studiosi sono concordi nel ritenere che tra le cause vi sia l’ossessione per un tema specifico che deve per forza essere tirato in ballo. In pratica il soggetto ossessionato, incapace di concepire discussioni non collegate con l’oggetto delle sue morbose fissazioni, tende a ricondurre ad esso qualsiasi tema. Ampiamente documentato è il caso del commentatore a sproposito di tipo xenofobo. Facciamo un esempio.

A: Oggi è una bella giornata.

B: Già, hai visto che sole?

C: Sembra quasi estate.

D: Vero!

E: Io in giardino ero in costume.

F: Lo credo bene, gli immigrati ci stanno togliendo tutto.

Come potete notare A, B, C, D ed E sono persone normali. F invece è un commentatore a sproposito con complicazioni xenofobe. Dal tenore del suo intervento possiamo stabilire che si tratta di un caso particolarmente difficile, con sintomi tipici dello stadio avanzato della malattia. In situazioni del genere la prognosi è spesso infausta.

La somministrazione di libri può sortire qualche effetto positivo, ma sono sempre possibili crisi di rigetto.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!