Se non ora sempre

Pubblicità

Di

Violenza su femminedi Krimskrams

Sono arrabbiata e sconvolta da quanto successo a Colonia e in altre città europee la notte di Capodanno. Ancora violenza e ancora sulle donne. Violenza sordida, brutale, subdola. I colpevoli difficili da individuare, da accusare, da punire.

Una violenza perpetrata nel cuore dell’Europa, terra di legalità, democrazia e diritti. Una violenza che non può avere alcuna giustificazione, che dovrebbe svegliarci e indignarci, tutte e tutti. Una rappresaglia contro le donne, contro la loro libertà, contro la loro integrità fisica. Ancora il corpo delle donne palpeggiato, violato, usurpato.

Emerge un dato inquietante: nell’Unione Europea una donna su due è stata vittima di violenze fisiche o sessuali. E la scusa è sempre quella, arcinota: la scollatura profonda, la gonna corta, lo sguardo ammiccante della vittima. Sì, siamo ancora a questo punto noi europei civilizzati ed evoluti. La colpa è sempre delle donne, sono le donne che devono pagare. Se ci penso è così anche in altri campi: per lo stesso lavoro guadagnano meno, con un impiego a tempo parziale hanno minori possibilità di carriera e di formazione, se rientrano dal congedo maternità sono spesso demansionate. E non in qualche paese in capo al mondo, ma qui da noi.

Per non dire delle battute e del sarcasmo che accompagnano le donne ogni giorno, quelle frasi e quelle domande che un uomo non si sente mai rivolgere. Essere donna è faticoso, lo sapevo, la mia ricetta finora era dichiararmi femminista e dire che il femminismo serve ancora. Rivisto e condiviso con gli uomini serve ancora per scardinare un modo di pensare patriarcale, per concretizzare le pari opportunità, per realizzare una società migliore per tutte e tutti. Ma mi sa che ora mi serve anche per non ritrovarmi a pensare che essere donna è pericoloso e che è meglio non prendere il treno la sera, non andare in piazza a brindare per l’anno nuovo o per le strade a festeggiare il carnevale.

La paura non è mai una buona alleata, per niente e per nessuno.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!