Spasmo faccia da Curdo

Pubblicità

Di

imagedi Corrado Mordasini

Ali Yuecel Uetebay ha 25 anni. Una faccia da curdo e un amore per la sua città. Ali ha un grande impegno civico, è candidato per il PS a Locarno. Fa volontariato per aiutare la gente meno fortunata di lui nei villaggi in Kenya. Punto di riferimento per tanti ragazzi, è in una associazione giovanile apolitica ed è tra i membri fondatori di “Locattiva”.

Ali, 6 anni fa, quando era un imberbe dicannovenne, sull’onda dell’indignazione per delle inutili violenze di polizia, aveva scritto e cantato un rap. Gli piaceva il rap, esprimeva la sua rabbia di adolescente, dava sfogo alla sua sete di giustizia. Spasmo era il suo nome, un nome che racconta di contrazioni muscolari inconsulte, di fantasmi che si agitano sotto la pelle. Il suo rap vomitava odio nei confronti di quei tutori dell’ordine, che poi furono condannati.

Ali è lì nella foto del suo profilo Facebook. Un bel ragazzo dalla barba curata, la camicia bianca e la giacca blu. Elegante. Sotto qeulla foto, la sua difesa agli attacchi dei media raccoglie centinaia di like e visualizzazioni:

“il mio voto è per te bro”
“Allora ne aspettiamo una che manifesti tutto ciò che fai per la tua città!”
“Ti vogliono buttare giù con ogni mezzo , sta a te impedire il tutto!”
“Forza Spasmo”
“grande uomo”
“spasmo sindaco”
“spasmo for president”.

Sono alcuni dei commenti.

Ali oggi ha incanalato la sua rabbia in un percorso costruttivo, in un impegno per gli altri e la sua città. Ali è uno di quei giovani che hanno fatto un sano percorso di consapevolezza e sono diventati uomini veri. Il suo errore di gioventù viene vilmente utilizzato paragonandolo ad altri, facendolo diventare un contraltare delle sbroccate di destra. Qui abbiamo Ali, un venticinquenne che ha ammesso i suoi errori e ha già pagato per essi, 6 anni fa. Dall’altra, come letto sulle nostre pagine, ci sono dei poliziotti che ancora a 50 anni e presi nel ruolo di tutori dell’ordine sbroccano in inconsulti vomiti razzisti: chi ha fatto un percorso qui? E Gobbi? Sotto elezioni, c’è chi tacciava di errore di gioventù un uomo trentenne che insultava il negro alla Valascia. Errore di gioventù anche i post razzisti del portavoce dell’UDC, uomo adulto, anch’esso licenziato tempo fa grazie ad un articolo del GAS che lo smascherava?

Ecco, errore di gioventù.

Posso solo dire una cosa: se poi questi errori di gioventù portano a diventare come Ali, allora ben vengano. Sono il prezzo, sono il passaggio forzato, l’iniziazione dolorosa attraverso la quale un ragazzo diviene uomo.

Forza Spasmo, siamo con te.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!