Il Disco della Domenica: Led Zeppelin-In Through The Out Door

Pubblicità

Di

Il Disco della Domenicadi Jacopo Scarinci

“In Through The Out Door” dei Led Zeppelin è un disco capace di mandarti dall’analista perché capirci qualcosa è complicato.

Prendete una delle (la?) rock band più importanti della storia e buttatela in un calderone dove Bonzo butta giù alcol a bidoni, dove Jimmy Page nelle vene ha più eroina che sangue, dove a Robert Plant è morto il figlioletto da poco e dove John Paul Jones ha scoperto definitivamente il magico mondo dei sintetizzatori. Che può venir fuori se non un casino pazzesco?

ZeppelinQuindi in fondo è normale che in questo disco trovino spazio schifezze orrendamente spagnoleggianti come “Fool In The Rain” o a metà strada tra il country e l’”Oh Susanna non piangere perché” come “Hot Dog”. Anche se gli anni da poco passati erano quelli di “Stairway To Heaven” o, facendo meno gli schizzinosi, di “Achilles Last Stand”. Ma è appunto perché quegli anni erano ancora vicini – e nonostante dei quattro zeppelin fossero rimasti un alcolista, un drogato, un candidato al suicidio e un taciturno – che questo disco è comunque una perla. Perché nelle difficoltà son riusciti comunque – chi più, chi meno – a entrare in sala d’incisione e tirar fuori un album che sì, è un casino pazzesco, ma che ha un suo senso e una sua bellezza: la muscolarissima “In The Evening” con cui si apre il disco ne è la prova, mentre la devastante “All My Love”, dedica in versi di Plant al figlio morto, ci racconta dell’impresa che fecero gli zeppelin a entrare in studio e continuare nonostante tutto. L’impresa che fecero nel dire alla sfiga, all’alcol, alla droga e al punk che no, loro erano ancora lì. Non a fare un’altra “Immigrant Song”, va beh, ma a dare ancora lezioni a tantissimi. Come quando Jones fece partire all’impazzata il suo sintetizzatore nuovo di pacca e ne uscì “Carouselambra”, un autentico e imperiale delirio di tastiere ed elettronica lungo più di 10 minuti, nel quale la chitarra di Jimmy Page è un po’ come il terzo incomodo a un appuntamento.

Come andò a finire la storia lo sappiamo, Bonzo viene trovato morto il 25 settembre 1980 e i Led Zeppelin si sciolgono, dando vita a dozzinali e autocelebrativi progetti solisti. “In Through The Out Door”, loro ultimo e sicuramente peggior disco, però è lì, come una piccola vedetta, a ricordare sempre che incredibile band siano stati. La droga non la vedi quando ti porta alle visioni del testo di “Stairway To Heaven”, ma quando ti schiaccia e non ti fa andare nemmeno in studio. L’alcol non lo vedi quando ti fai una groupie diversa ogni sera, ma quando non riesci a tenere le bacchette in mano. Nonostante questo, e nonostante la stampa che tutta eccitata da roba tipo i Sex Pistols li abbandonò, i Led Zeppelin con questo disco dissero “Abbiamo ancora qualcosa di importante da fare”.

E diavolaccio, sì che l’hanno fatto.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!