Il “Mattinonline” e l’amore per le bufale

Pubblicità

Di

bufaladi Narses

Il Mattinonline non può proprio fare a meno di spararle grosse.

Sul proprio sito web, appare infatti una dichiarazione dell’europarlamentare leghista italiano Borghezio a proposito di una presunta richiesta di introdurre il turco come lingua ufficiale dell’UE, formulata, a suo dire, dall’eurodeputata socialista ungherese Kati Piri a nome della Commissione Affari Esteri (AFET).

Ora, a parte il fatto che la Piri, sebbene nata in Ungheria, è olandese ed è stata eletta in Olanda (e se Borghezio frequentasse il Parlamento Europeo probabilmente lo saprebbe…), e che di tale risoluzione sul sito della AFET non c’è traccia alcuna, e neanche di questo ci stupiamo data la sostanziale inerzia del “Mattinonline” nel verificare le fonti delle proprie notizie al di là del fare il semplice copia e incolla dei latrati di Borghezio, ci sono due punti fondamentali nella questione:

1) l’Unione Europea non ha una, due o tre lingue ufficiali, bensì 24, ovvero tutte le lingue di tutti gli Stati membri, quindi si va dall’italiano al francese al lituano all’estone e così via. Alla luce di questo, in un discorso sull’adesione della Turchia, che sia auspicabile o meno (in questo momento decisamente no, aggiungo), è pienamente legittimo che il turco diventi anch’esso lingua ufficiale dell’UE; dove per lingua ufficiale si intende semplicemente la lingua in cui tutti i documenti e i discorsi vengono tradotti. Quindi non si preoccupi Borghezio, non c’è pericolo di ritrovare dei corsi obbligatori di turco a scuola (Si potrebbe poi aprire un dibattito sul fatto che Borghezio conosca o meno le differenze, abissali, fra turco e arabo e faccia un calderone nel nome dell’anti-islamismo, ma poi dicono che pensiamo male…), il tutto a meno di non volersi prendere la briga di spiegare ai turchi perché il lituano si e il turco no.

2) la questione del turco come lingua ufficiale dell’UE non riguarda peraltro solo un eventuale ingresso della Turchia, riguarda bensì l’innocua, dimenticata e ignorata Cipro, che come è noto (ma i leghisti lo sanno?) è di fatto divisa in due, con la parte sud di lingua greca, riconosciuta internazionalmente, e la parte nord occupata dalla Turchia fin dagli anni ’70 e autoproclamatasi Repubblica: la composizione di questa decennale divisione e quindi il riconoscimento del turco come seconda lingua di Cipro in quanto parlata da metà della popolazione comporterebbe a cascata l’inserimento di tale lingua come venticinquesima lingua dell’UE, legittimamente, a prescindere da qualunque cosa stia facendo in questo momento Erdogan: è un diritto della cristiana Cipro, membro dell’UE da anni e anni, non dell’aspirante Turchia.

Quindi, niente paura, cari “signori” del “Mattinonline”: nessuno vuole spianare la strada alla Turchia in Europa, per cui sarebbe meglio (ma che ve lo dico a fare…) verificare le fonti e soprattutto documentarsi, prima di fare i titoloni e comporre le notizie facendo i copia e incolla dei latrati di Borghezio.

Finendo, sulla vostra coerenza nel definire Fallitalico qualunque cosa arrivi da 1 km a sud di Chiasso e poi citare i discorsi di un Europarlamentare italiano ci sarebbe molto altro da dire, ma non dubito che ce ne darete ancora occasione.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!