Infuria la polemica? Stocazzo

Pubblicità

Di

africano violenza (1)di Corrado Mordasini

Mattinonline: ennesima testimonianza di passeggero terrorizzato e ancora sotto shock dopo 4 giorni per l’efferato crimine sul Tilo, crimine che non esiste, o perlomeno dicono così quei pirla della magistratura e la polizia del ministro Gobbi.

Schermata 2016-02-25 alle 09.39.37 (1)Titolo: “ero nel treno degli asilanti molestatori”. Chi ha detto che sono asilanti? Solo voi. Chi dice che erano molestatori? Solo voi. Chi continua a tirare fuori la bega? Solo voi. Chi dice che infuria la polemica? Solo voi.

Il ministero pubblico è stato chiaro. Nessun reato, nessun arresto, nessun fermo ma la vostra sete di sangue è sempre lì non soddisfatta, anche perché non si soddisferà mai. Per voi qualsiasi africano è nell’ordine: asilante, farabutto, spacciatore, stupratore, ladro. E non ci sarà mai niente che vi fa cambiare idea.

Ma perché continuate a battere il chiodo anche quando la faccenda si è smontata? Ovvio: a voi fa gioco rimestare le acque torbide per far venire a galla la puzza. Vi fa comodo terrorizzare la gente che poi crede di vedere in voi i salvatori da quest’orda inventata da voi stessi. Bel sistema, già lo usavano i nazisti, poi i fascisti… crea un nemico e indicalo alla folla. Oggi è pieno di negri bianchi a cui non sembra vero di trovare dei negri-negri, gente con meno diritti di loro, a cui affibbiare le colpe anche per il buco dell’ozono.

Sveglia gente! Vi stanno prendendo per il culo. Fate i razzisti, indignatevi, ma almeno toglietevi le fette di salame dagli occhi. Se domani scomparissero gli asilanti tutti i vostri problemi rimarrebbero lì, uguali uguali al giorno prima: la tua disoccupazione, tuo marito che gioca al casinò o beve, tuo figlio che è disoccupato da due anni, l’amica in assistenza.

E cosa fareste se non ci fossero più gli asilanti? Niente paura, la Lega vi inventerebbe un nuovo nemico. Che so, i Poschiavini, gli idraulici… o magari gli ex fumatori. Il mondo è pieno di minoranze.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!