Casa Regazzi

Pubblicità

Di

regazzi 1di Bruno Samaden

Tra costante disinteresse e improvvise curiosità ho sempre pensato tutto il male possibile dei vari commentatori sui social network, salvo poi ricredermi per mezz’ora quando un – maiuscole doverose – Signor Provocatore ha fatto deragliare Fabio Regazzi. Guadagnandosi, va da sé, il rispetto non solo mio. Ma andiamo con ordine.

Durante la manifestazione di studenti e docenti del 23 marzo a Bellinzona, un gruppetto di ragazzi è entrato nel Palazzo del Governo da porte sempre aperte per gridare il proprio pacifico dissenso verso i tagli alla scuola. Davanti a loro si è parata una barriera di vetro che poi vetro non è, non la tiri giù neanche con un bazooka, figurarsi con esuberanza giovanile e striscioni. Fine della storia. Non per alcuni portali, che hanno trattato la notizia manco fosse l’assedio ottomano di Vienna e soprattutto non per il buon Regazzi, che ha sbottato su Facebook scrivendo come queste modalità mutuate “dalla vicina penisola” non vadano bene, che protestare sì ma non così, che questo e che quello, che in pratica quella allegra comitiva di studenti incazzati doveva protestare secondo il Regazzi pensiero: scuotere la testa, al massimo fare “nono” col ditino.

Regazzi FBUn utente che si nasconde dietro il personaggio più amato da Netflix – Frank Underwood – ha commentato che si trattava di una semplice manifestazione rispettosa, e qui è partito il siluro regazziano: “Come no! Se io tento di fare irruzione a casa sua ritiene che sia una forma di manifestazione di rispetto? Per me non lo è ma forse sono un inguaribile nostalgico…” Sarà un inguaribile nostalgico Regazzi – pensi, io lo sono pure di epoche mai vissute! – ma di sicuro ha qualche problema di orientamento: quella non è una delle sue proprietà. La Residenza governativa è la casa di tutti i ticinesi, è il simbolo di ciò che siamo e rappresenta il posto dove ognuno di noi – il Sovrano tanto sbandierato dalla Destra e da Regazzi – trova casa. Non è un resort dove Consiglieri di Stato, Consiglieri nazionali o chiunque abbia il bastone del comando si sente migliore o più figo del popolino.

Metta a posto il GPS, Regazzi. Trovi la strada di casa, quella vera, ricordandosi, se riesce, che lei conta uno come qualunque ticinese. E ricordi, sempre se riesce, anche che l’umiltà è il valore centrale della cristianità.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!