De Bortoli, di’ qualcosa su di noi

Di

De Bortolidi Santerre

Ferruccio De Bortoli è tra i giornalisti che più hanno tenuto alto il buon nome della categoria in Italia negli ultimi 30 anni. Intelligente, colto, pieno di charme, ha guidato il “Corriere della Sera” barcamenandosi alla meno peggio tra azionisti bellicosi e governi perennemente inadeguati. Per questi e tanti altri motivi il suo approdo come editorialista al “Corriere del Ticino” è stato salutato, almeno dal sottoscritto, con grande gioia. Però…

…però c’è un però. Da che mondo è mondo, per capire meglio te stesso hai bisogno dello sguardo di un altro, soprattutto se non coinvolto personalmente. Lo sguardo di uno straniero competente, soprattutto qui in Svizzera, è quanto di più importante possa avere in dote chi ha l’ambizione di fare informazione e farla bene, corretta e completa. Iniziare a chiedere a De Bortoli di scrivere qualcosa su di noi sarebbe una mossa intelligente, perché le sue parole ci porterebbero a riflessioni che, finché vengono fatte tra noi che ce la cantiamo e ce la suoniamo da soli, lasciano il tempo che trovano.

Cosa ne pensa De Bortoli, ad esempio, dei rapporti tra Svizzera e Unione Europea? Oppure, sulla questione del franco, sicuri di non voler conoscere più a fondo il parere di chi ha diretto per quattro anni “Il Sole 24 Ore”? E ancora: non sarebbe male chiedere a Ferruccio De Bortoli qualche riga in cui si esprime sul padronato che sta mortificando il mercato del lavoro ticinese al solo scopo di lucrare sulla pelle dei suoi concittadini. O no?

(Archivio GAS 2015)

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!