TV 

Gas-Serial: “Penny Dreadful”, incubi gotici in salsa vittoriana

Pubblicità

Di

Penny Dreadfuldi Marco Narzisi

Premesso che scrivo dopo aver visto la prima stagione, “Penny Dreadful” è una serie TV secondo me assolutamente geniale e atipica nel panorama, per tre motivi:

  • Un cast stellare, con Eva Green (Fight Club, 300 – L’alba di un impero, Sin City e via dicendo), Josh Hartnett (Slevin – Patto criminale, per dirne una), addirittura Timothy Dalton (uno dei più famosi 007, mica cinepanettoni), roba di lusso per una serie TV;
  • Un’ambientazione affascinante come la Londra vittoriana, presa a metà fra il progresso marciante e le forbite buone maniere tradizionali;
  • Una trama che mescola alla grande il meglio dell’immaginario gothic/horror tradizionale, suggestioni steampunk e forti richiami letterari.

Il titolo deriva da un genere letterario tipico dell’età vittoriana, appunto i penny dreadful, che sono sostanzialmente quello che oggi chiameremmo fan fiction: si trattava di pubblicazioni a basso costo, un penny per l’appunto, rivolte soprattutto al proletariato e alla media borghesia, che contenevano brevi racconti in cui erano mescolati in modo grossolano e non storico vari temi e personaggi del romanzo gotico tradizionale, dal vampiro al lupo mannaro alla creatura di Frankenstein, e così via.

La serie mantiene le promesse del titolo, calandoci da subito nella Londra dell’Ottocento, con le sue carrozze, le splendide serate a teatro dell’alta borghesia e lo squallore sociale e morale dei bassifondi, in un’ambientazione in cui reale e fantastico si mescolano senza che l’uno prevalga sull’altro, un universo letterario parallelo in cui i personaggi, e soprattutto i “mostri” dell’immaginario gotico sono vivi e presenti, che si tratti del bestiale vampiro (scordatevi il fascino del conte Dracula di Coppola…), del complesso e complicato Dorian Gray o della creatura del Dottor Frankenstein, uno dei personaggi più intensi della serie, straziato e lacerato fra la ricerca di una parvenza di umanità e la propria natura mostruosa, reso spietata dal rifiuto e dal disprezzo di cui è oggetto in quanto diverso, anomalo, freak.

In questo contesto spiccano personaggi fortemente caratterizzati, le cui storie si intrecciano in modo complesso lasciando sempre quell’alone di mistero e non detto che ovviamente, diciamolo, attizza un sacco: la ricerca e la caccia del soprannaturale all’esterno, la diatriba fra razionale/scientifico e irrazionale/mistico, nettamente influenzata da suggestioni steampunk, diventa un excursus nei profondi orrori all’interno dell’anima e della mente umana, fra visioni da incubo, possessioni spiritiche, deliri paranoico-religiosi, atrocità paleo-psichiatriche (leggi: lobotomia a freddo) e sporchi segreti borghesi.

Eva Green è sublime e inquietante al tempo stesso nel personaggio di Vanessa Ives, ora dilaniata dal senso cattolico di colpa, ora fuori di sé nel pieno della possessione medianica o preda di un lucido delirio, allo stesso modo in cui il giovane Frankenstein (Harry Treadaway) è l’uomo che si fa Dio ma che viene travolto dall’immoralità dei suoi atti, e Ethan Chandler (Josh Hartnett) rappresenta l’uomo americano nel pieno del suo sviluppo, spavaldo e rude quanto perseguitato da un misterioso passato…

Se sognate di girare per Londra in carrozza cacciando mostri e fantasmi con mirabolanti artefatti figli del progresso, insomma, Penny Dreadful è la serie che fa per voi.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!