La mano incinta

Di

Mano incintadi Corrado Mordasini

All’inizio non ci credevo: la solita bufala sull’Islam. Poi come al solito verifico la fonte. L’Huffington Post: insomma, non proprio un sito di second’ordine. Ma arriviamo al fatto…

Mucahid Cihad Han è un predicatore turco con una sua trasmissione sull’emittente 2000 Tv. Durante il programma un telespettatore telefona, ammettendo di masturbarsi. Come per il Cattolicesimo, anche l’islam non ama i rapporti cinque a uno. Questo signore, evidentemente pentito, riconosce di averlo fatto anche durante il pellegrinaggio alla Mecca.

Va bene, Tizio, cavoli tuoi. A tutti noi maschietti piace stropicciarci ogni tanto, mica è una tragedia. Si potrebbe discutere sull’opportunità, se sei un fedele, di farlo alla Mecca. Sarebbe un po’ come se un cattolico fervente si smanettasse in piazza san Pietro. Per noi laici è un’altra cosa: viviamo liberi dai sensi di colpa legati alla masturbazione.

Invece per Mucahid no: la legge è chiara. Le seghe sono “haram”, contrarie ai principi della religione islamica. Niente di nuovo: a noi i preti hanno fatto credere per decenni che saremmo diventati ciechi o coi peli sui palmi delle mani a furia di tofignarci.

Ma il bello deve ancora venire: “Coloro che hanno rapporti sessuali con le loro mani se le ritroveranno incinte nell’aldilà”. Saranno le mani stesse, ha precisato il telepredicatore, a “reclamare i loro diritti”. I loro diritti? Cos’è, si offendono? E allora quando ti pulisci il sedere? Nell’aldilà avrai le mani di cacca?

La mano incinta nell’aldilà… ma che punizione del menga è? Sei in paradiso lo stesso, no? Con la mano un po’ gonfia. Poi partorisce non si sa bene cosa, e per l’eternità tu sei a posto. Ma poi avranno apparecchiature per l’ecografia della mano? E i ginecologi della mano ci sono? E le levatrici? E se ti fai le pippe con due mani? Nascono gemelli? Misteri della fede.

Comunque già solo a guardarlo, il povero Muchaid, fa pensare che forse un po’ di attività sessuale non farebbe male a lui. Altro che pippe.

(Archivio Gas)

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!