La sharia casalinga

Di

madre figliodi Cassandra

Io ho tre figli. Passo il tempo fra risatine isteriche e crolli depressivi. Più volte ho pensato di rivolgermi a un gruppo di autoaiuto per genitori di figli prepuberi, puberi, preadolescenti, adolescenti e postadolescenti. Anche perché, quando ti senti vicina al crollo, ascolti qualche altra madre e ti rendi conto che non sono i tuoi: è proprio una pandemia mondiale.

La cartella sbattuta all’entrata con la giacca, le scarpe abbandonate nel corridoio, quando non sono i calzini trovati negli angoli più improbabili della casa. Calzini che trovi seguendo scie olfattive per cui un cane molecolare sarebbe deceduto: troppe sollecitazioni in poco tempo.

Ma non finisce qui.

Il materiale scolastico abbandonato in strategici mucchietti nelle camere, in sala o nel sottoscala. Tubetti di dentifricio spremuti a metà, con scie azzurrine spalmate, non si sa come, sulla parete. Il tappo ormai è scomparso da giorni, e ciò fa lentamente seccare, come una ferita che fa la crosticina, l’ugello del dentifricio. Questo comporta che tu un giorno, assonnata e con le occhiaie, vai in bagno per lavarti i denti e cerchi di spremere il tubetto, che si inalbera in una strenua resistenza, essendo praticamente solidificata la crosta. La tua pressione si fa spasmodica fino a che, in uno spasmo liberatorio, un fiotto azzurro si spiaccica su lavandino e piastrelle.

Ma questi sono solo gli aspetti più prosaici. Poi ci sono le comunicazioni: silenzi, mugugni, grugniti. Bicchieri abbandonati in giro. Briciole e cartacce. Bucce. Non parliamo dell’igiene, che è talmente approssimativa da sfidare la cucina di un topaia di Capo Verde.

E poi non ubbidiscono. Ubbidiscono solo a Lui, il maschio alfa, il gibbone maschio, che quando alza la voce fa tremare le pareti e che, se è il caso, è ancora in grado di far pesare le sua supremazia fisica, mentre tu sei già fortunata se riesci a ricevere uno sguardo di pietoso compatimento.

Allora un giorno ti alzi piena di furore e cominci a capire quelli dell’ISIS. E, incazzata come una iena, decidi di istituire il tuo personale Califfato, con regole rigide legate a sequestri (non di persone ma di telefonini) e di atti terroristici, quali il trafugamento di cavi di computer e gli abbassamenti repentini delle valvole, soprattutto quando alla Play stanno facendo il record. Blocco dei trasporti e degli allenamenti.

È ovvio che poi ti odiano, come tutti odiano quelli dell’ISIS. Ma cominciano anche a temerti e di conseguenza a ubbidirti.

Insomma, ho istituito una sharia casalinga. Ed è triste dirlo, ma il regime del terrore funziona!

(Archivio GAS)

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!