L’improbabile leader

Pubblicità

Di

Kim Jong Undi T-800/101

Un generale ammazzato a colpi di cannone antiaereo non è roba di tutti i giorni, la curiosità è cosa rimanga poi da raccogliere. Ma l’ultima notizia che giunge attraverso i servizi segreti sudcoreani è proprio questa: Hyon Yong-chol, generale dell’armata popolare, si sarebbe addormentato a una parata. Magari era stanco, o solo stufino. Fatto sta che il permaloso leader non sembra avere gradito.

E qui si apre una pletora di supposizioni. I compagni comunisti sogghignano con sufficienza e negano: “La solita propaganda filoamericana” dicono. Gli altri, preda dei media filoimperialisti, ci credono. Una cosa però bisogna ammetterla: c’è dittatura e dittatura. Per difendere quella Nordcoreana bisogna avere davvero il pelo sullo stomaco, anche solo per una questione che lascia parecchio perplessi: com’è possibile, in una società di uguali, di comunisti, una monarchia?

Infatti il bambolotto attuale, come sapete tutti, è il terzo di tre generazioni di Kim. Kim Il-sung generò Kim Yong-il (il Caro Leader) che generò Kim Yong-un, l’attuale capo di Stato. Un ragazzino cicciotto e poco minaccioso, almeno a vederlo. Il cicciotto e poco marziale Kim ha studiato a Berna, ma le due lauree le ha prese nelle Università del babbo e questo ci ricorda certi papiri del “Trota” presi in Albania. La solita propaganda parla di esecuzioni a chili, tra le quali anche una sua ex fidanzata. Certo è che trovare all’estero un Nordcoreano è come cercare un chiurlo alpino mentre le entrate nel Paese sono centellinate col contagocce. E se entri, ti trovi attaccati al sedere almeno tre Commissari politici.

A paragone la Russia sovietica era una colonia di vacanza e anche la dittatura cubana, che tanto piace a noi Sinistri, in confronto sembra un villaggio del Club Med di creoli rammolliti. Eppure c’è chi si ostina a difendere, quasi per partito preso, uno dei peggiori regimi della Terra: è una realtà. Anche se la propaganda filoamericana esagerasse, ce ne sarebbe a sufficienza per storcere non solo il naso ma tutta la faccia. Una sola famiglia detiene il potere dal 1948, dunque da 66 anni. Nessuno esce, nessuno entra. Ok, direte voi, anche negli USA i Bush scodellano un presidente ogni decina d’anni. Ci si domanda quando finiranno i Bush, sembrano infiniti. Il problema è che, però, li eleggono. Poi potranno starci sulle balle, non dico di no, ma li eleggono. Magari sono anche imbecilli quelli che li eleggono, ma lo fanno di loro volontà. Vorremmo sapere cosa ne pensano i Nordcoreani, ma non se ne esce: se li intervisti dentro sono tutti contenti, ovvio, se li intervisti fuori si insinua siano imbeccati dagli americani. Insomma, un problema senza soluzione.

A meno che Cicciopallino a un certo punto non decida di aprire le frontiere. Per uno secondo il quale il padre a due mesi già parlava ed era nato sotto due arcobaleni non dovrebbe essere difficile.

(Archivio GAS 2015)

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!