Fulvio Caccia: il voto sui radar? Una presa in giro

Pubblicità

Di

Cacciadi Alessandro Schirm

Fulvio Caccia, grande vecchio del PPD ed ex Consigliere di Stato, mette a nudo le crepe che si sono create fra i Popolari democratici in merito al voto sui radar mobili. Lo scontento popolare si fa sentire, incrinando quello che sembrava un fronte compatto. Gran Cosiglieri pentiti e goffi tentativi di spiegazione invece che sopire la querelle gettano benzina sul fuoco.

Scrive Caccia su La Regione:

“Come cittadino, pedone e automobilista, padre di tre figli e con sette abiatici, sono sconcertato! Che si possa e si debba insistere sulla prevenzione non ho dubbi. Ma poi, nella nostra cultura politica, viene soltanto il rispetto della leggi, senza ma e se e chi sbaglia paga.

Il preavviso della postazione radar rappresenta una presa in giro per tutti quegli automobilisti che rispettano le regole e riduce il freno ai comportamenti illegali. Con buona probabilità, per chi sente così imperioso il bisogno del preavviso, l’adeguamento della velocità arrischia di essere limitato ai 200 metri tra l’avviso e la postazione radar. Questa sarebbe sicurezza per i disonesti”

E qui Caccia mette il dito nella piaga, facendo rimarcare pochi punti ma fondamentali:

  • Se sei onesto e rispetti i limiti non hai nulla da temere.
  • Ogni vita salvata vale tutte le multe comminate.
  • Avvisare quando metti un radar è come non metterlo.
  • È una presa per il sedere per chi i limiti li rispetta.

In quest’ottica, Caccia evidenzia le incongruenze e la scarsità di motivazioni alla base del voto PPD. Per i leghisti non sprechiamo nemmeno tre righe, sono gli stessi che ieri mettevano la taglia per i radar e poi con Gobbi li piazzavano sulle strade, gli stessi che per 20 anni hanno ferocemente avversato la tassa sul sacco e poi l’hanno implementata.

Ma da un partito di governo con perlomeno un minimo di coerenza ci si sarebbe aspettato meno populismo e più riflessione. Oggi la bomba dei radar rischia di esplodere nelle mani dei PPD, che se fossimo leghisti potremmo chiamare: “amicideikillerdellastrada”.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!