Il sorriso al posto del masochismo tafazzista

Pubblicità

Di

Righini Igordi Jacopo Scarinci

Il masochismo ha contraddistinto l’intera storia della sinistra planetaria. A qualsiasi latitudine, la sinistra si è divisa, ha litigato, ha creato dal nulla problemi ingigantendone di piccoli, venendo a creare – così – un meccanismo perverso e idiota che l’ha portata spesso e volentieri a tirarsi epiche zappate sui piedi. A sinistra c’è sempre qualcuno più a sinistra di te, qualcuno più puro. Ci sono sempre polemiche, tristezze, depressioni.

Anche in Ticino la sinistra ha tra le corde la specialità della casa, e l’ha dimostrato con gli strali lanciati addosso a Raoul Ghisletta per aver detto – magari in una forma non ineccepibile, ma vabeh – che l’obiettivo del PS era confermare la municipale uscente, cioè Cristina Zanini Barzaghi. Insomma, quello detto (e fatto) da ogni partito: ovunque in città c’erano Bertini che ti portava verso nuovi orizzonti e Jelmini rassicurante e posato. Ghisletta, vuoi per la sua verve sindacalista, ha detto una banalità conclamata. Zanini Barzaghi rieletta e festa grande, di questi tempi è già brodo grasso.

Comunque, e piedi di piombo, uno spiraglio di inversione di marcia in casa socialista potrebbe avercelo concesso il nuovo presidente, Igor Righini. Intervistato domenica pomeriggio alla RSI, e stuzzicato sui diversi segni meno che contornavano il risultato socialista, Righini con un sorriso e un fare sicuro ha affermato che i seggi erano stati tutti confermati, e che questo voto è da considerare come un punto di partenza verso le prossime battaglie. Tranquillo, ma non morente. Sorridente, ma non sbruffone. Un elettore socialista che l’ha guardato e che ieri l’ha letto sui giornali – per una delle prime volte negli ultimi anni – non ha avuto l’istinto di lanciarsi dalla diga della Verzasca ma ha avuto uno stimolo, un pungolo, un motivo per continuare a credere in quell’area politica.

La sinistra metta da parte il masochismo tafazzista, e inizi una nuova stagione politica basata sul sorriso, sulle competenze, sul ricambio. Lugano dimostra che spazio d’azione nel nostro cantone ce n’è, provino a occuparlo.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!