La Lega: diamoci ai pogrom!

Pubblicità

Di

Islam Pogromdi Corrado Mordasini

Pogrom è una brutta parola, una parola di nefasta memoria, una parola che non avremmo più voluto sentire. Evoca i ghetti, il nazismo e le persecuzioni sanguinose nei confronti degli ebrei:

“nell’angolo sinistro del cortile c’era un gruppo di uomini di età tra i 30 e i 50 anni. saranno state circa 45-50 persone che venivano tenute riunite e sotto tiro da alcuni civili. […]. Un giovane – doveva trattarsi di un lituano – […] con le maniche della camicia rimboccate era munito di una sbarra di ferro. Di volta in volta faceva uscire dal gruppo un uomo e con la sbarra gli assestava uno o più colpi sulla nuca. ln questo modo, in tre quarti d’ora ha eliminato I’intero gruppo di 45-50 persone. Di queste persone ho scattato una serie di foto. […] Dopo che tutti furono uccisi, il giovane mise da parte la sbarra, prese una fisarmonica, si sistemò sul mucchio dei cadaveri e suonò l’inno nazionale lituano.”

 A Jedwabne, un villaggio abitato da oltre 2.000 persone, di cui più del 60% ebrei, viene consumato un omicidio di massa spaventoso. Il consiglio comunale e i tedeschi si accordano sull’eliminazione degli ebrei del villaggio e il 10 luglio 1941 avviene il massacro. I primi ebrei sono uccisi a bastonate o lapidati, poi vengono stuprate e uccise giovani ragazze, altri sono fatti annegare. Infine la folla spinge i restanti ebrei in un granaio, bruciandoli vivi.”

Mi fermo, la storia è piena di testimonianze di eccidi, stupri, torture, esecuzioni sommarie e linciaggi nei pogrom europei. Pogrom è una parola russa che significa letteralmente “devastazione”. Descrive le sommosse popolari antisemite nei secoli passati, culminate nell’eccidio della seconda guerra mondiale.

Ecco cosa scrive il Mattino della Domenica a firma di Fulvio Regazzoni:

“In Europa sta tirando una brutta aria! Gli islamici dovrebbero cominciare a preoccuparsi! La gente, soprattutto dopo gli ennesimi vili attentati, sta perdendo la pazienza e i pogrom di nefasta memoria, potrebbero tornare di moda! Quindi attenti a non tirare troppo la corda, già tesa e in procinto di spezzarsi!”

Mattino islam PogromIo penso solo una cosa, e con me anche tanti altri voglio sperare: chi è a tal punto criminale da scrivere queste cose o è un idiota integrale oppure, ipotesi più angosciante ancora, è una persona che sa benissimo quello che dice e che sta incitando la popolazione alla violenza nei confronti degli appartenenti a una religione. E a questo punto entra in gioco la legge svizzera:

Art. 259

1: Chiunque istiga a commettere un crimine è punito con una pena detentiva sino a tre anni o con una pena pecuniaria.

2: Chiunque pubblicamente istiga a commettere un delitto implicante atti di violenza contro persone o cose, è punito con una pena detentiva sino a tre anni o con una pena pecuniaria.

Ci sono gli estremi? Non lo so, prometto che m informerò presso un avvocato, perché a me queste cose mandano fuori dai gangheri. Non ti piacciono gli stranieri? Odii gli “ic”, ti stanno sulle balle gli africani? Bene, cazzi tuoi, ma quando si comincia con questi toni allora no, non ci sto più. Quando si evocano fantasmi mostruosi che si pensavano inghiottiti dalla storia io non ci sto più. Quando minacci la gente solo per guadagnare qualche squallido voto e crei paura e diffidenza io non ci sto più. È ora di finirla con questi toni, che salgono sempre di più. Se la Lega sta cercando il morto, di questo passo ci va pericolosamente vicino.

E dopo vogliamo vedere se la colpa sarà ancora degli $palancatori di frontiere.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!