Le migliori del Mattino: Uella, colpa degli Stati Uniti!

Pubblicità

Di

mattino rubricadella Redazione

(Questa rubrica si fa del male da sola a prendere alcune perle dal mattinonline commentandole. Uno sporco lavoro, ma che qualcuno deve pure fare).

Sull’addio al segreto bancario scrivono che “Il processo è iniziato in par­ticolare sotto la pressione degli USA, i quali si sono riempiti la bocca con la storiella della “trasparenza fiscale” […] Grazie all’ex ministra del 4% e alla maggioranza del parlamento che l’ha stoltamente seguita, la Svizzera ha dunque calato le braghe su tutta la linea. Ed è chiaro che, come c’è stata capitolazione sul segreto bancario, allo stesso modo la Berna federale ca­pitolerà anche su altre questioni. A partire dalla sovranità nazionale. […] Se l’iniziativa lanciata dalla Lega – che però venne lasciata sola da tutti – per inserire il segreto bancario nella Costituzione fosse riuscita, di certo non saremmo a questo punto. Perché prima di svenderci senza ritegno, gli scienziati bernesi avrebbero dovuto affrontare il voto popolare. E lì non avrebbero certo avuto vita facile. Ma invece…”

Gli “scienziati bernesi”, a differenza di Lorenzo Quadri, sanno che la Svizzera è inserita in un contesto che si chiama “mondo”. Questo mondo vive di trattati e accordi che regolamentano rapporti tra Stati, senza i quali la Svizzera isolata che tanto sognano i leghisti tornerebbe alla pastorizia. L’allergia alle regole e il definire la trasparenza fiscale non come una conquista, ma come una “storiella”, gli farà prendere voti in questo Cantone, certo, ma spiega anche lo sguardo torvo con cui l’Europa guarda sempre più il nostro Paese. Sguardo che si può tradurre con “non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca”. Questo, forse, lo capisce anche un leghista.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!