Le migliori di Facebook: Il pianeta felice

Pubblicità

Di

Migliori di Facebook(I contributi di questa rubrica sono frutto di ricerca o di piacevoli incontri fortuiti su Facebook. Tratti da profili pubblici, vengono riproposti su GAS dopo avere comunque e preventivamente avvisato gli utenti interessati.)

C’era una volta un pianeta dove tutti si volevano bene. Era un pianeta felice.
Un giorno gli abitanti scoprirono che c’era una linea che divideva il pianeta esattamente a metà. Dopo un po’ gli abitanti della metà di sopra iniziarono a pensare che gli abitanti della metà di sotto avevano una faccia che non gli piaceva. E viceversa. Così quel pianeta venne diviso in due, e non si poteva passare da Di Sotto a Di Sopra e neanche viceversa. Erano due mezzi pianeti felici.
Dopo un po’ però gli abitanti Di Sopra della parte di qua iniziarono a pensare che quelli della parte di là avevano una faccia che non gli piaceva. E tirarono un’altra riga. Erano quattro quarti di pianeta felici.
Ma gli abitanti Di Sopra Di Là Di Sopra guardavano storto gli abitanti Di Sopra Di Là Di Sotto, e insomma alla lunga Il Pianeta Felice era diventato un reticolo di linee, e ogni quadratino era uno stato. E ogni stato era felice.
Ma dopo un po’ gli abitanti della parte destra dei quadratini iniziarono a pensare che gli abitanti… E insomma avete capito. Finché un giorno il paesino A si divise in frazioni: A1, A2. A3… E gli abitanti giocavano a battaglia navale ed erano felici. Ma poi i vicini A3b7y iniziarono a pensare che i loro dirimpettai A3b7z avevano una faccia che non gli piaceva, e tirarono una riga. E vivevano felici.
Il giorno dopo il signor Giovanni vide sua moglie Luisa sotto una nuova luce: gli sembrava strana. E tirò una riga proprio in mezzo al salotto.
Era felice. Dormì. Si svegliò. Andò in bagno. Fece pipì, e iniziò a pensare che la faccia che vedeva nello specchio non gli piaceva.

Gino Ceschina

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!