Le Migliori di Facebook: Reddito di base, un progetto grandioso

Di

Migliori di Facebookdi Virgilio Pellandini

Un progetto grandioso

Più la studio, più trovo l’iniziativa sul reddito di base incondizionato (che sarà votata il 5 giugno prossimo) geniale nel suo proporre un cambiamento davvero rivoluzionario alla struttura della nostra economia e del nostro stato sociale, che sarà semplificato radicalmente. Credo poi che i benefici economici che produrrà (come aumento dei consumi e riduzione dei costi burocratici) potranno compensare, col tempo, i 20-30 miliardi di franchi annui che servono per finanziare l’iniziativa (e che nel frattempo potrebbero essere finanziati con bond ventennali a interesse negativo…).

Per avere successo, però, il progetto non necessita solo del supporto popolare durante la votazione, ma anche del coraggio e della forza di tutte le parti politiche nell’implementare le riforme che tale iniziativa renderebbe necessarie. Due riforme sarebbero particolarmente difficili e avrebbero bisogno di politici dal coraggio (ahimé) inaudito:
– l’eliminazione (con licenziamento di tutti i dipendenti) degli apparati che ora gestiscono AVS, AI, disoccupazione, assistenza sociale, ecc., cioè tutti gli apparati resi ridondanti dall’iniziativa (certo, la distribuzione del reddito di base necessiterebbe un nuovo apparato, ma dalle dimensioni quantitativamente irrisorie rispetto a quelli che sostituisce);
– l’eliminazione di tutte le limitazioni diciamo così “sindacali” all’impiego: dai salari minimi, ai contratti collettivi, agli orari minimi, ecc: con il reddito di base incondizionato sono eliminati obbligo e necessità del lavoro, rendendo quindi inutili tutte queste costosissime (sia finanziariamente che burocraticamente) “protezioni” dei diritti dei lavoratori.

Impossibile? Forse.

Intanto mi piace sognare una società ed una classe politica sufficientemente visionarie e coraggiose per portare a compimento un progetto che credo sia il più grandioso, in Svizzera, dai tempi del primo tunnel ferroviario del Gottardo.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!