I consigli di Liberatv alla RSI

Pubblicità

Di

Bazzi Leonidi Corrado Barenco

Andrea Leoni non ce la fa ad astenersi dal calare lezioni dall’alto della sua competenza che gli permette di scrivere su Liberatv un commento più o meno ogni due mesi. Chiaro che non sarà pagato molto, ma insomma.

Questa volta analizza i costi di produzione pubblicati dalla RSI e dispensa consigli sul come produrre programmi a prezzi più bassi ma con la stessa qualità. Ma ecco alcune perle: la nostra realtà non è quella della Svizzera francese o tedesca, le cifre pubblicate dimostrano senza ombra di dubbio che c’è spazio, parecchio spazio, per risparmiare, ottimizzare, potenziare ciò che il pubblico apprezza e ridimensionare, o anche chiudere, ciò che è superfluo, si possono fare trasmissione di impatto o comunque efficaci, spendendo la metà o giù di lì, se prima per fare una trasmissione potevi impiegarci tre giorni, oggi potresti doverlo fare in uno. E mi fermo qui perché quel che pretende Leoni è che la RSI produca con la superficialità che caratterizza le sue analisi. Dimentica tra l’altro che la concessione SSR al suo articolo 2 stabilisce che “le prestazioni in materia di programmi sono equivalenti in tutte le lingue ufficiali”. E allora mi pare che un confronto con i programmi del resto della Svizzera sia non solo opportuno ma doveroso.

Prendiamo Falò: ogni puntata costa 150’000 franchi e dura 100 minuti; Rundschau, il programma parallelo di SFR dura 40 minuti e costa 105’000; Temps présents dura 55 minuti e costa 155’000 franchi. Andiamo sull’attualità: alla RSI si spendono 26 milioni, alla RTS 36 milioni e alla SRF 52,9 milioni. E allora Leoni, che chiede un ridimensionamento dell’organico (ma è buono, perché non vuole licenziamenti bensì solo la non sostituzione dei pensionamenti), chiede pure un ridimensionamento della qualità dei programmi. Chiede a chi fa giornalismo di scendere, senza pensare, senza riflettere, senza approfondire: tanto a nessuno interessano più questi concetti.

Questa è la società che vuole Leoni. Io non ci sto.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!